• Home
  • Consigli
  • Sushi con pesce in scatola: i consigli per fare il gli uramaki come quelli giapponesi
0 0
Sushi con pesce in scatola: i consigli per fare il gli  uramaki come quelli giapponesi

Condividi sui tuoi social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

500g Riso
1 confezione alga
Qb Vinaigrette di riso
3 cucchiaini rasi zucchero
Qb Sale
1 Peperone
1 Avogado
1 bustina di quello affumicato Salmone
1 scatola Tonno
Qb Guacamole
1 Cetrioli
1 Carota
1 confezione Philadelfia
Qb Maionese
Un ciuffetto Rucola
Qb Semi di Sesamo

Sushi con pesce in scatola: i consigli per fare il gli uramaki come quelli giapponesi

  • 50 min
  • Medium

Ingredienti

Istruzioni

Condividi
Oggi prepariamo un cibo molto impegnativo ma che piace a tantissima gente : il Sushi.
Devo avvisarvi che vi avanzerà tanto di questi ingredienti per cui potete farvi del crostini con questi avanzi .
Io metto il pesce in scatola e affumicato, perché non avendo un abbatitore di temperatura non voglio rischiare la salute ne mia tanto meno dei miei cari 🙂
Sugli ingredienti potete variare e mettere ciò che più vi piace .
Ci servirà una tovaglietta di bambù ,pellicola ,un panno per asciugarsi le mani ed un contenitore pieno d’acqua per poterci lavare le mani ,un coltello tagliente, un tagliere.
Gli ingredienti vanno tutti preparati prima di iniziare tagliati a listelli per facilitare il lavoro .

Storia e origini sushi e sashimi

Con il termine sushi si fa riferimento ad una pietanza tipica della cucina orientale.

In Giappone, si trovano tantissime tipologie di sushi e si preparano solitamente con un base di riso e l’aggiunta di pesce o verdure.

Allo stesso tempo però, oltre ai classici roll (ad esempio uramaki, hosomaki, temaki e via dicendo) troviamo i sashimi, ossia il semplice pesce crudo tagliato in fettine molto sottili. Si accompagna spesso alla salsa di soia e ad altri contorni tipici.

Ma quali sono le origini dei sushi e dei sashimi?

A tal proposito, non ci sono delle vere e proprie testimonianze ma più che altro leggende, risalenti al periodo a.C.

Chiaramente, all’epoca non c’erano i sushi come li intendiamo noi oggi ma delle versioni molto simili sia in Giappone che in Cina.

Tra l’altro, esistono ancora dei dubbi riguardanti i loro veri creatori. Infatti, molti di voi pensano che siano stati i giapponesi ad averli realizzati per primi ma in realtà, ci sono diverse zone asiatiche che si attribuiscono l’esclusiva.

Fatto sta che questa tradizione orientale si è diffusa in tutto il mondo. Attualmente, anche in Italia si trovano tantissimi ristoranti che propongono sushi e sashimi secondo diversi abbinamenti e riscuotono sempre un grande successo.

Senza contare il fatto che oltre ad essere molto buoni risultano super belli dal punto di vista estetico. Di conseguenza, negli ultimi anni sono diventati uno dei protagonisti indiscussi dei social network e dei blog, per la sezione food.

Sushi e sashimi calorie

Definire con esattezza le calorie di sushi e sashimi, non è affatto semplice.

Questo perché bisogna calcolare innanzitutto la quantità, il ripieno (nel caso dei roll) e gli abbinamenti selezionati, anche inerenti alla tipologia di pesce.

Tuttavia, in linea generale un singolo pezzetto di sushi roll contiene all’incirca 80 calorie, mentre un sashimi si aggira sulle 40 calorie.

Steps

1
Fatto

La prima cosa da fare è quella di vuotare il riso in un contenitore pieno d'acqua e lavarlo.
Il tutto deve essere fatto con delicatezza perchè  il riso non deve essere stressato. Dobbiamo togliere l'amido per cui : vuotare il contenitore ,riempire con acqua pulita lavare il riso e vuotare. Tutto questo andrà fatto circa 20 volte finché l'acqua non sarà trasparente.
Fatelo in maniera veloce  sennò il riso si impregnerà d'acqua .

2
Fatto

Lasciamo riposare per 15 minuti crudo senza acqua.

3
Fatto

In un tegamino giusto (no grande) ,versare il riso con 550ml di acqua.

4
Fatto

Mettete il coperchio che non andrà mai sollevato fino a cottura ultimata.
La cottura inizia con il fuoco altissimo fino a bollire e , appena bollirà, abbassate il fuoco a medio basso per 15 minuti .

5
Fatto

Gli ultimi 30secondi a fuoco altissimo ,spegnere e lasciar riposare per altri 15 minuti .
Vi consiglio di usare un tegamino antiaderente.

6
Fatto

Nel frattempo che il riso cuoce preparare in un tegamino 5 cucchiaini di vinagret di riso , 3 cucchiaini rasi di zucchero , e 2 cucchiaini rasi di sale .Mettiamo sul fuoco e facciamo sciogliere ci vorranno un paio di minuti .

7
Fatto

Vuotare il riso in un contenitore e versare il composto sciolto di vinagret, sale e zucchero. Contemporaneamente sventolare il riso per sfreddarlo ,girare il riso con le mani delicatamente ma velocemente .
Appena tiepido sarà pronto per essere lavorato.

8
Fatto

Preparare la tovaglietta in bambù  e rivestirla con la carta pellicola .

9
Fatto

Posizionare l'alga . NB: la parte ruvida deve stare all'interno cioè dove andremmo a posizionare il riso ,a fianco a noi dobbiamo avere un contenitore con acqua e 2 cucchiaini di vinagret per lavarci le mani e il panno per asciugarsi .
Ogni volta che tocchiamo il riso dobbiamo lavare le mani e asciugare .

10
Fatto

Mettere l'alga nel tappetino di bambú rivestito con la pellicola ( premessa io lo rivesto con la pellicola perché il fatto che il riso sia a contatto con il bambù non mi piace ,voi fate come volete )
Bagnare le mani, asciugare prendere il riso e iniziare a posizionare il riso tutto con le mani .
Non mettere molto sui bordi .

11
Fatto

Mettiamo gli ingredienti che più ci piacciono e chiudiamo aiutandoci con il tappetino.Appena pronto tagliate con il coltello che dovrà essere bagnato nell'acqua dove abbiamo lavato le mani ogni taglio effettuato.

precedente
Patatine croccanti al forno: segreti per una cottura croccante
prossimo
Rotolo di carne ripieno di datterini , peperoni e mortadella
precedente
Patatine croccanti al forno: segreti per una cottura croccante
prossimo
Rotolo di carne ripieno di datterini , peperoni e mortadella

Commenta