• Home
  • Consigli
  • Pesce smeriglio: caratteristiche e come cucinarlo

Pesce smeriglio: caratteristiche e come cucinarlo

Il pesce smeriglio (nome scientifico Lamnus nasus) è un pesce appartenente alla famiglia dei Lamnidi ed è uno dei pesci meno grandi di questa famiglia molto simile a quella degli squali. Si presenta come un pesce dal corpo fusiforme ma leggermente ingrossato al centro e raggiunge una lunghezza da 1 a 4 metri.

Gli esemplari di questo pesce vivono generalmente nei mari mediamente freddi sia nell’emisfero australe sia nell’emisfero boreale. E’raro avvistare esemplare di questo pesce nel Mar Mediterraneo, mentre è possibile avvistarlo nel Mare Adriatico.

Caratteristiche: il pesce smeriglio si presenta con una carne tenera e di discreto sapore. Secondo alcuni la carne di questo pesce non ha sapore di pesce ma è più simile al gusto del pollame e della carne bianca. Per questo è anche conosciuto come il “vitello” del mare. Può essere commercializzato fresco, congelato o essiccato e non contiene lische. Generalmente è venduto a fette o tranci e per questo non richiede particolari trattamenti dopo l’acquisto e prima della cottura. 

E’ reperibile tutto l’anno e in cucina è spesso utilizzato come sostituto del pesce spada. Rispetto a quest’ultimo il pesce smeriglio ha un prezzo di gran lunga inferiore.

Proprietà nutritive:  dal punto di vista nutrizionale lo smeriglio apporta solo 97 calorie per 100 grammi di peso. La sua carne è ricca di molti principi nutritivi ed è anche una buona fonte di proteine. Contiene pochi grassi ed è ricco di fosforo, selenio e vitamine del gruppo B12 e B6.

In cucina: come il pesce  spada il pesce smeriglio si presta per essere cotto in padella con pomodorini e olive nere, per un secondo piatto di pesce dai sapori mediterranei. In alternativa può essere cucinato al forno, impanato o al naturale, e poi accompagnato con un bel contorno di patate arrosto o di insalata. L’uso della panatura permetterà di proteggere la carne del pesce, mantenendola piuttosto morbida. Chi segue un particolare regime dietetico, invece, può cuocere il pesce al vapore. Ad ogni modo è consigliata una cottura piuttosto breve altrimenti la carne del pesce potrebbe risultare dura e stopposa.

Come cuocere pesce smeriglio

Vi abbiamo appena presentato un paio di ricette sul pesce smeriglio ma in linea generale, esistono tantissime procedure per cuocere il pesce smeriglio.

Basta andare su Google e cercare la dicitura “pesce smeriglio ricetta” e vi ritroverete dinanzi ad una serie di foto che differiscono sia per i contorni che per le modalità di cottura. Proprio per questo motivo, è bene specificare tutte le differenze, per darvi un quadro dettagliato della situazione.

Scopriamo insieme le modalità di cottura, prendendo in considerazione la stessa ricetta base, ossia pesce smeriglio con capperi e pomodorini! 

Pesce smeriglio al forno

Prendete il pesce smeriglio, pulitelo per bene, eliminando tutte le lische e le parti non edibili. 

Lavate i pomodorini e tagliateli a metà (così da cuocere meglio) e sgocciolate i capperi. 

A questo punto, prendete una teglia contenente della carta da forno, inseriteci il pesce smeriglio, i pomodorini e i capperi, aggiungendo un pizzico di sale, un filo d’olio e un po’ di pepe (facoltativo). Infornate a 180 gradi per venti minuti et voilà! Il gioco è fatto! 

Pesce smeriglio alla piastra 

Anche qui, per prima cosa, dedicatevi alla pulizia del pesce (in alternativa, potreste acquistare dei filetti pronti per essere cucinati). 

Prendete la piastra ed adagiate lo smeriglio con un filo d’olio. Cuocetelo per un quarto d’ora circa, girandolo di tanto in tanto, in modo tale che possa raggiungere una doratura omogenea (tale procedura è molto simile a quella del pesce smeriglio alla griglia).

Il condimento invece, andrà pre cotto a parte in una padella: o servito a crudo, come più preferite.

Pesce smeriglio al cartoccio

In alternativa, si può optare per la cottura al cartoccio

Essa è molto vantaggiosa in quanto unisce una serie di vantaggi, presenti sia nella cottura a vapore che in quella al forno. Basta semplicemente creare dei “cartocci”, i quali dovranno essere direttamente proporzionali alla misura del pesce smeriglio.

Pertanto, per la preparazione, sarà sufficiente inserire il condimento (in questo caso pomodorini e capperi) in una teglia da forno e al centro il pesce ricoperto solitamente o da carta alluminio o carta da forno.

Attraverso questa tecnica, si avrà modo di cuocere il pesce in maniera salutare, in quanto tutte le sostanze nutritive presenti nell’alimento vengono preservate.

Tra le tipologie più diffuse di cartoccio abbiamo: il cartoccio a pacchetto regalo, il cartoccio a fagottino (ossia quello fissato con uno spago) e il cartoccio quadrato.

Infine, bisogna tenere a mente che per cuocere perfettamente il pesce smeriglio, dovrete realizzare un cartoccio uniforme ma allo stesso tempo ben sigillato, altrimenti parte delle sostanze nutritive si andranno a disperdere. 

Pesce smeriglio proprietà

Il pesce smeriglio, detto anche vitello di mare, possiede tantissime proprietà che a loro volta generano dei benefici al nostro organismo. Scopriamo le più importanti!

Ricco di proteine

Il pesce smeriglio, facendo riferimento a 100 grammi di prodotto, contiene soltanto 125 kcal. Gran parte delle energie vengono fornite dalle proteine (pensate ben 20 grammi su 100) ma anche di lipidi e glucidi.

Di conseguenza, risulta essere un’ottima alternativa per tutti coloro che stanno seguendo uno stile di vita ipocalorico e vorrebbero perdere qualche kg di troppo.

Contiene acidi grassi 

Analizzando nel dettaglio il pesce smeriglio, è possibile constatare che c’è un alto contenuto di acidi grassi, in particolar modo quelli semi essenziali, tra cui l’omega 3.

E non mancano di certo l‘EPA (acido eicosapentenoico) e il DHA (acido docosaesaenoico), entrambi essenziali per:

  • Proteggere gli occhi
  • Salvaguardare il sistema nervoso 
  • Rafforzare le membrane cellulari
  • Prevenire alcune patologie metaboliche, come ipertrigliceridemia ed ipertensione
  • Mantenere attive le funzioni cognitive
  • Proteggere il feto
  • Contrastare la depressione e altri disturbi cerebrali

E tanto altro ancora… 

Presenta numerose vitamine

Allo stesso tempo, può vantare di un’alta presenza di vitamina D, essenziale per il nostro corpo, specialmente dal punto di vista scheletrico. Ricordiamoci sempre che le nostre ossa necessitano di una dose quotidiana di vitamina D.

Tuttavia, possiamo trovare anche la vitamina B6 e la vitamina B12, anch’esse fondamentali per il corretto funzionamento dell’organismo umano.

Pesce smeriglio proprietà nutrizionali

Facendo riferimento a 100 grammi di pesce smeriglio, è possibile trovare:

  • 125 kcal
  • 21 g di proteine
  • 1,02 g di grassi
  • 50 mg di colesterolo
  • 46 mg di sodio
  • 411 mg di potassio

E non mancano di certo il fosforo, il selenio e le vitamine B6 e B12

Pesce smeriglio prezzo

A prescindere dalla sua bontà, il pesce smeriglio viene spesso impiegato nelle ricette come sostituto del pesce spada per il suo prezzo abbastanza contenuto. E’ chiaro che fare una stima ben precisa dei costi è alquanto impossibile, poiché bisogna tenere in conto alcune variabili, come ad esempio la quantità o il venditore in questione.

Tuttavia, in linea generale, si può affermare che il pesce smeriglio sia reperibile in prezzi che vanno intorno ai 5-6 euro. Per quanto riguarda il pesce spada la storia cambia totalmente: è uno dei più cari del mercato italiano e proprio per tale motivo, supera tranquillamente i 30-40 euro al kg.

Pesce spada o smeriglio

A questo punto ci si chiede: quale pesce privilegiare per le nostre ricette, il pesce spada o smeriglio?

Bisogna innanzitutto specificare che il pesce smeriglio e il pesce spada, pur sembrando molto simili, presentano alcune differenze sostanziali.

Ad esempio, il colore dello smeriglio è un po’ più scuro rispetto al pesce spada, anche se i tranci appaiono quasi identici.

Inoltre, la mancanza di fibre si può notare anche dal fatto che il muscolo rosso non possiede una forma a v ma ha semplicemente una macchia scura.

Ci sono tante altre caratteristiche che rendono i due pesci diversi, il problema è che alcune pescherie sfruttano “l’ignoranza” di chi non è esperto del settore, andando a rifilare il pesce smeriglio al costo del pesce spada. Pertanto, bisogna prestare molta attenzione e rivolgersi solo a venditori onesti e competenti. 

Ritornando al tema principale, ossia quale prediligere tra i due, possiamo affermare che se il vostro budget dovessero essere limitato, allora il pesce smeriglio va benissimo.

Ma se volete mangiare un pesce di qualità o comunque stupire i commensali, il pesce spada rappresenta la soluzione ideale. 

(Visited 953 times, 13 visits today)

linda

Commenta