Osteoporosi : cibi da assumere e da evitare

Con il termine osteoporosi si fa riferimento ad una patologia sistemica dello scheletro, che genera un forte indebolimento delle ossa.

Di conseguenza, ci si ritrova maggiormente predisposti a delle fratture o ad un vero e proprio deterioramento, coinvolgendo in particolar modo le anche, i polsi e la colonna vertebrale.

Uno dei maggiori fattori di rischio è certamente l’età. L’avanzare degli anni, comporta un notevole cambiamento all’organismo, incluso l’apparato scheletrico.

Pertanto, l’anziano si ritrova ad avere delle ossa molto più fragili. Non a caso, quando una persona di età avanzata si frattura il femore, è difficile che possa andare incontro ad un intervento, sarebbe troppo rischioso.

Ovviamente, non si fa di tutta l’erba un fascio ma in termini statistici, l’anziano ha molte più difficoltà nel ripristinare le strutture ossee.

Osteoporosi cause

Tuttavia, non sono soltanto gli anni di un individuo a renderlo maggiormente predisposto verso l’osteoporosi.

Infatti, tra le varie cause (difficilmente modificabili) troviamo:

Il genere femminile. Le donne, specialmente una volta raggiunto il periodo di menopausa, tendono a diventare molto più fragili a livello strutturale. Pertanto, si rivelano maggiormente colpiti dalla patologia.

L’ereditarietà. Talvolta, il sesso non c’entra nulla e può trattarsi di una semplice questione genetica.

La razza. Secondo alcuni studi, il fattore dell’etnia potrebbe essere strettamente interconnesso all’osteoporosi.

Mentre, se dovessimo far riferimento a tutte le cause generate dall’individuo stesso, bisogna citare:

  • Un’alimentazione povera di frutta e verdura
  • L’insufficiente apporto di calcio
  • Un’alimentazione troppo ricca di sodio, caffeina e proteine
  • L’eccessivo consumo di alcolici
  • Il fumo
  • La sedentarietà
  • Le scarse quantità di vitamina D
  • La magrezza eccessiva

E tanto altro ancora…

Dieta da seguire

Come potete ben vedere, i fattori di rischio per l’osteoporosi sono numerosi.

Tuttavia, è possibile prevenire il fenomeno e soprattutto contenerlo, prendendo una serie di misure.

Tra le più importanti abbiamo certamente l’alimentazione. Infatti, spesso l’indebolimento delle ossa è scaturito da una dieta completamente errata e sbilanciata.

Il nostro organismo, per poter funzionare correttamente, necessita di una serie di nutrienti, vitamine e sali minerali. Nel caso delle ossa, il calcio è davvero fondamentale, poiché consente di rinforzarle e di ridurre la possibilità di fratturarsi o andare incontro ad un autodistruzione.

A tal proposito, oggi vi offriamo una serie di consigli, contenenti la dieta da seguire per osteoporosi.

Ovviamente, non va a sostituire in alcun modo il supporto di un nutrizionista o di un dietologo, ma vi può servire per trarre spunto.

In questo modo, riuscirete a comprendere al meglio quali siano i cibi maggiormente consigliati e quelli da moderare.

Scopriamone di più!

Cibi consigliati con moderazione

Il sale. Consumarlo secondo quantità eccessive non fa bene alla salute e nel caso dell’osteoporosi, contribuisce all’eliminazione di calcio, tramite le urine. Pertanto, si consiglia di assumerlo secondo le giuste quantità.

Gli alimenti integrali e ricchi di fibre, poiché riducono l’assorbimento di calcio da parte dell’intestino.

Alcuni ortaggi, tipo i pomodori, il caffè, il cioccolato e il tè, sempre per una questione legata all’assimilazione di calcio.

Invece, è vivamente sconsigliato (per ovvie ragioni) l’alcol.

Cibi consigliati

Tra i cibi che rientrano nella dieta per osteoporosi, troviamo:

I formaggi, il latte e lo yogurt (almeno una-due porzioni quotidiane), in quanto risultano essere ottime fonti di calcio;

Il pesce. Pur non contenendo grandi quantità di calcio, presenta un buon contenuto di vitamina D.

I legumi e quindi le lenticchie, i ceci, i fagioli, i piselli, le fave, la soia e via dicendo. Essi bisognerebbe consumarli almeno 3 volte a settimana. Questo perché si rivelano, da consumare da 2 a 4 volte a settimana.

Tra l’altro, i legumi sono fonte di proteine vegetali. Ciò significa che aiutano a ridurre la perdita di calcio tramite le urine e contengono una serie di sostanze che svolgono un’azione protettiva sulle ossa.

Sì anche alle verdure di stagione, in particolar modo quelle a foglia verde scura, ad esempio le rape, la rucola, i broccoli, il radicchio verde, la bietola, la cicoria, la catalogna e via dicendo.

Il motivo risiede nel fatto che possiedono discrete quantità di calcio (chiaramente non ai livelli del latte).

La frutta, specialmente quella di stagione ma anche i frutti di bosco, le fragole e gli agrumi. Pertanto, vanno benissimo anche le spremute d’arancia e l’utilizzo del limone per condire diverse pietanze.

Tenete a mente che la frutta e gli agrumi, sono in grado di contrastare l’insorgimento di radicali liberi e svolgono una funzione antiossidante e detox.

Inoltre, per chi soffre di osteoporosi o comunque avesse intenzione di prevenirla, può darsi al consumo della frutta secca. Di conseguenza, sì alle noci, alle nocciole, alle mandorle, ai pistacchi, gli arachidi ecc.

Ovviamente, senza esagerare, in quanto la frutta secca è abbastanza calorica e ricca di sale (specialmente nel caso dei pistacchi).

Alcune raccomandazioni

Oltre a seguire una dieta sana ed equilibrata, chi avesse intenzione di prevenire o comunque ridurre l’osteoporosi, deve attenersi ad una serie di raccomandazioni.

In primis, si consiglia di bere almeno due litri d’acqua al giorno, con un alto contenuto di calcio.

Poi, sarà necessario praticare con una certa regolarità l’attività fisica. Basta anche una semplice passeggiata di un’ora al giorno o degli allenamenti due-tre volte a settimana, basati principalmente sul riscaldamento del corpo, sul rinforzo dei muscoli e sullo stretching. Tuttavia, è bene rivolgersi ad un personal trainer, in modo tale da seguire degli esercizi corretti, senza correre il rischio di farsi male.

Evitare il fumo, il quale risulta essere uno dei principali nemici della salute delle ossa.

Tuttavia, si consiglia di intraprendere la prevenzione il prima possibile (anche dall’adolescenza, poiché è il periodo in cui si va a formare la massa ossea definitiva.

Specialmente se si è donne, si consiglia di assumere molto calcio e di praticare attività fisica con una certa frequenza, in quanto maggiormente predisposte all’osteoporosi, nel periodo della menopausa.

Infine (e non per ordine di importanza) si consiglia di eliminare i kg di troppo, perché il sovrappeso rappresenta una delle cause principali della patologia.

Chiaramente, anche in questo caso, si consiglia di rivolgersi ad un nutrizionista o a un dietologo con esperienza nel settore.

Così facendo, avrete la possibilità di seguire una dieta personalizzata, a seconda della vostra età, del fisico e di tutte le caratteristiche che vi rappresentano.

(Visited 48 times, 1 visits today)

linda

Commenta