• Home
  • Consigli
  • Colesterolo alto : dieta o stile alimentare da seguire

Colesterolo alto : dieta o stile alimentare da seguire

Il colesterolo è un composto organico essenziale per il nostro organismo, in quanto svolge una serie di funzioni essenziali.

Infatti, oltre ad essere un componente delle membrane cellulari, il colesterolo rappresenta il precursore degli ormoni steroidei, della vitamina D e tanto altro ancora. Da ciò possiamo ben dedurre che sia localizzato anche nel sangue e la quantità presente si definisce colesterolemia.

Di solito, i valori medi di colesterolemia nel sangue in un soggetto adulto si aggirano tra i 140/200 mg/dl. Chiaramente, possono esserci alcune variazioni in base all’età, al sesso, allo stile di vita, alla genetica e a tanti altri fattori.

Tuttavia, quando si registra una concentrazione anomala, si parla di ipercolesterolemia.

Il colesterolo alto è una patologia che affligge molte persone. Alla base di tutto c’è spesso l’alimentazione, la quale gioca un ruolo fondamentale nella salvaguardia dell’organismo.

Pertanto, nel momento in cui si decide di ignorare la situazione (continuando a mangiare male) è probabile che il nostro corpo degeneri. Di conseguenza, aumentano i rischi di arteriosclerosi, malattie cardiovascolari, ictus ed infarto.

Alimentazione da seguire 

Una volta individuato il problema, sarà fondamentale prendere una serie di provvedimenti alimentari.

Per seguire una dieta ad hoc per il colesterolo alto sarà necessario mantenere un giusto equilibrio di nutrienti, vitamine, proteine e carboidrati.

Andando nello specifico, possiamo dire che tra gli alimenti altamente consigliati ci sono:

I legumi. Le lenticchie, i ceci, i piselli, i fagioli e le fave sono super consigliati in fase di allattamento, poiché contengono tantissime proteine vegetali, fibre, ferro e soprattutto vitamina B6.

Le verdure e gli ortaggi. Sì a peperoni, melanzane, zucchine, insalate, spinaci, bietola, cicoria, cataloga, verza, broccoli, rape e via dicendo, anche in grandi quantità. 

Questo perché il loro contenuto di grassi e calorie è davvero molto basso. Ovviamente però, non dovrete esagerare.

La frutta e gli agrumi. A tal proposito, bisogna privilegiare sempre il consumo della frutta di stagione e consumarla fresca.

Per quanto riguarda le arance (altamente consigliate in quanto fonte di vitamina C), se si decide di assumerle sotto forma di spremuta, è importantissimo bere il tutto in maniera istantanea per non perdere le proprietà.

Inoltre, si consiglia vivamente la frutta secca (senza esagerare) ed in particolar modo le noci.

Latte e derivati. Per non andare incontro a carenze di calcio, è fondamentale assumere una discreta quantità di latte, formaggio, mozzarelle e gli altri derivati. Nel caso in cui si dovesse soffrire di intolleranza, è possibile optare per tutti quegli alimenti “lattosio-free”.

Tuttavia, la cosa più importante sta nel prediligere il latte parzialmente scremato o scremato, non intero.

Il pesce e le uova. Il pesce è un’ottima fonte di omega 3. Di conseguenza risulta essere essenziale per il neonato e per la sua crescita. Sì a merluzzo, tonno, salmone, sardine e trote.

Riguardo le uova invece, si consigliano per il loro alto contenuto di ferro e proteine e vanno consumate un paio di volte a settimana, senza esagerare.

E’ anche vero che non è difficile assumerle, in quanto fungono da ingrediente base di diverse pietanze.

Alimenti sconsigliati per il colesterolo alto

Innanzitutto, è bene precisare che esistono alcuni alimenti da assumere con moderazione e altri da evitare il più possibile, durante la fase di allattamento.

Tra quelli consentiti nelle giuste quantità troviamo: il cioccolato, le salse (ketchup, maionese e via dicendo), il caffè, il tè, i cibi pronti, gli snack e gli affettati ricchi di grassi come il salame o la mortadella. Via libera invece alla bresaola o alla fesa di tacchino

Anche il sale, si consiglia di utilizzarlo in cucina secondo le minime quantità, giusto per dare quel tocco di sapore in più alle pietanze. Pertanto, escluderlo dalla dieta non sarebbe una cosa salutare.

Se invece dovessimo far riferimento a ciò che bisognerebbe evitare il più possibile, troviamo:

L’alcol. Esso risulta essere controproducente non soltanto per la mamma ma anche per il bambino. La sua trasmissione porta una serie di cattive conseguenze, come ad esempio diarrea, vomito o ipoglicemia.

Carne rossa. Poco fa vi avevamo detto che le proteine sono davvero molto importanti per l’organismo.

Allo stesso tempo però, è preferibile evitare un alto consumo di carne rossa ma di prediligere piuttosto la carne bianca: pollo, tacchino e via dicendo.

Pesce crudo. Sempre più persone amano il sushi e le tartare di pesce. Tuttavia, si consiglia di evitare il loro consumo, tranne nel caso in cui si è certi della qualità e delle modalità di preparazione.

Raccomandazioni

Ad una corretta alimentazione sarà necessario abbinare una serie di buone abitudini.

Pertanto, chi soffre di colesterolo alto dovrà:

Ridurre notevolmente lo stile di vita sedentario, cercando di camminare a piedi se i tragitti dovessero brevi. Oppure, potreste pensare di fare le scale, invece di prendere sempre l’ascensore.

Se possibile, praticare attività fisica a giorni alterni. Così facendo, avrete modo di aumentare il colesterolo buono rispetto a quello cattivo.

Ovviamente, se siete alle prime armi, partite in maniera graduale. Nel corso del tempo, potrete man mano intensificare i vostri allenamenti e praticare qualche sport, come ad esempio il nuoto, il ciclismo o la corsa.

Per poter ridurre notevolmente il rischio di colesterolo alto, si consiglia di smettere di fumare. Questo perché il fumo abbassa i livelli di colesterolo buono ed allo stesso tempo danneggia la salute del nostro corpo in generale.

Perdere i kg di troppo. Nel caso in cui foste in sovrappeso, consultate un nutrizionista, in modo tale da farvi consigliare una dieta apposita per voi, facendo riferimento all’età, al sesso, alla statura e via dicendo.

Raggiungere il peso forma inciderà positivamente dal punto di vista fisico e psichico.

Si sconsiglia inoltre di praticare delle diete fai da te o comunque decisamente sbilanciate, in quanto potreste andare incontro a delle carenze alimentari e di conseguenza, peggiorare la situazione.

Infine (e non per ordine di importanza), bere tanta acqua, almeno 2 litri al giorno. Di conseguenza, riuscirete a migliorare il funzionamento degli organi (ad esempio i reni) e depurare l’organismo.

Per qualsiasi dubbio riguardo la dieta da seguire per il colesterolo alto, affidatevi ad un medico specializzato, il quale saprà indicare l’alimentazione più idonea a seconda del caso specifico.

linda

Commenta