Baklava salato e dolce

Non tutti conoscono questo alimento di origini mediorentali, che ha due versioni principali, quella dolce e quella salata.

Se volete preparare il baklava dolce procuratevi questi ingredienti: sciroppo di zucchero, pasta fillo e della frutta secca.

Lo sciroppo di zucchero può essere sostituito dal miele; la baklava in ogni caso si è fatta conoscere anche per la sua versatilità di utilizzo in cucina.

Un notevole cambiamento rispetto al passato; in origine infatti si trattava di una pietanza riservata alle famiglie più abbienti.

In altre parole si preparava in occasione di ricorrenze particolari, per stupire gli ospiti e gustare un piatto dal sapore originale e unico.

Tra i suoi ingredienti, ci sono delle componenti che si riteneva fossero afrodisiache, come il miele e i pistacchi.

Ci sono molte ricette possibili da fare con il baklava, come ad esempio la sua versione con noci, pistacchi, con aroma di cannella.

C’è anche la versione salata che è molto gustosa con melanzane e feta; si può cucinare anche senza feta, nella sua versione vegetariana.

La preparazione del baklava salato solitamente è l’ideale per almeno 8 persone; per prima cosa iniziare a tagliare una melanzana a cubetti.

Prendere una padella antiaderente dove mettere i cubetti di melanzana, per una quantità di 400 gr circa.

In un primo momento non inserite l’olio, ma fateli dorare a fuoco medio, fino a che non perdono l’acqua all’interno.

Dopo qualche minuto trasferite i cubetti di melanzana in un altro contenitore e aspettate che si raffreddino.

Nel frattempo preparate un uovo sbattuto con il parmigiano grattugiato, per ottenere un condimento abbastanza cremoso che vi servirà per insaporire le melanzane.

Prendete un rotolo di pasta fillo e stendetelo in una teglia da forno; a questo punto riempite la pasta fillo stesa con i cubetti di melanzane, fino a metà.

La seconda metà lasciatela libera, mentre sopra le melanzane aggiungete la feta in pezzi; una volta concluso, potete chiudere la pasta come fosse un calzone.

La pasta fillo va utilizzata così come si presenta, senza fare alcuna modifica.

Baklava salato, preparazione e cottura

A questo punto abbiamo il calzone di baklava chiuso; prendiamo un coltello e tagliamo già le fette che serviremo una volta cotto.

Questo perchè la sfoglia della pasta fillo, al termine della cottura sarebbe troppo friabile e si sfalderebbe facilmente.

Una volta pronto, accendete il forno e scaldatelo fino a raggiungere la temperatura di 200 gradi.

Durante la cottura controllate spesso il baklava, facendo attenzione a non bruciarlo, data la sua sfoglia abbastanza sottile.

I tempi di cottura sono di 15 minuti circa; ma seguite per intero il procedimento, perchè dipende sempre da quale tipo di forno si utilizza.

Al termine della cottura, aspettate un po’ di tempo, fino a quando il baklava non si raffredda.

A questo punto potete distribuire le porzioni; per insaporire tutto guarnite con del miele e aggiungete delle noci.

Il baklava salato è un piatto che si conserva per poco tempo, perchè le melanzane tendono a rilasciare acqua.

Per questo motivo vi consigliamo, una volta preparato di non farlo avanzare; il risultato sarebbe un ammorbidimento della pasta fillo.

Al contrario se si mangia subito, si gusta a pieno la croccantezza della sfoglia cotta al forno calda.

C’è anche la versione dolce del baklava, che viene preparato oltre che nei paesi mediorentali, anche in Grecia.

La base è sempre la pasta fillo, con della frutta secca e spezie; si tratta di un dolce abbastanza leggero, perchè non contiene zuccheri in eccesso.

I tempi di cottura sono pressocchè uguali alla versione salata e alla fine si guarnisce con uno sciroppo.

Lo sciroppo si può preparare in casa con miele, acqua, zucchero e succo d’arancia; nella sua versione greca, rappresenta un dolce a base di miele e noci.

Si caratterizza per il suo taglio a forma di rombo; il baklava presenta inoltre molte varianti e si caratterizza per la sia friabilità, che si gusta a pieno se consumato caldo.

Baklava dolce

Nella sua versione dolce, anche se non contiene troppi zuccheri, rimane un piatto abbastanza calorico.

Per questo motivo non è il caso di esagerare con le porzioni consumate; per la sua preparazione potete iniziare rompendo delle noci.

Frullatele insieme alle mandorle e ai pistacchi e nel frattempo fate sciogliere una noce di burro.

Una volte sciolto il burro aspettate che si raffreddi, mentre in una terrina a parte potete mescolare la frutta secca, con 100 grammi di zucchero, una buccia di limone e della cannella.

Mescolate bene il composto e intento preparate una teglia da forno, sulla quale farete una base di burro.

Baklava dolce come fare

Sopra adagiate un foglio di pasta fillo e spennellate con dell’altro burro per poi mettere un altro foglio sopra, fino a raggiungere il numero di sei fogli in totale.

A questo punto prendete la frutta secca a spargetela su tutta la superficie interessata, in modo uniforme, per poi spennellare il tutto con uno strato di burro.

Continuate a fare questo procedimento fino a quando non terminate tutti i fogli della pasta fillo.

Prima della cottura, tagliate tutto a piccole fette a forma di rombo e successivamente cuocete in forno a 170° per 40 minuti circa.

Controllate la cottura fino a quando la pasta sfoglia non diventa dorata; mentre aspettate la cottura del baklava dolce, preparate lo sciroppo.

Per prima fate una spremuta con 2 arance e filtrate il succo con un colino; prendete una piccola pentola dove inserite il succo di arancia con 300 grammi di zucchero, miele e 100 ml di acqua.

Fate bollire il composto fino a quando non diventa la metà e poi aspettate che si raffreddi, per poi metterlo in frigo.

Una volta terminata la cottura, tirate fuori il baklava e inumiditelo con lo sciroppo preparato.

Lo sciroppo deve essere spalmato accuratamente, per farlo assorbire da tutto il baklava; a questo punto aspettate due ore circa prima di consumare il baklava.

A seconda delle vostre preferenze potete riempire il baklava anche solamente con le noci, i pistacchi o le mandorle.

Al termine della cottura, se desiderate, potete decorare il dolce con uno strato di cioccolato fuso, utilizzando un cucchiaino.

(Visited 23 times, 1 visits today)

Luca

Commenta