Zippulas a imbudeddu

Procedimento:

Dunque l’impasto per queste zippulas si fa incorporando nella farina il lievito, con un pizzico di sale e dell’acqua tiepida. Si lavora fino ad ottenere una massa morbida ma consistente.

Quindi in una ciotola si lavorano le uova e le si unisce all’impasto. Qui ci vuole un capiente recipiente di coccio (che in sardo si chiama sa scivedda) dentro cui dovete versare il latte tiepido, l’acquavite a spruzzi sparsi e lo zafferano (già sciolto), lavorate il tutto ed infine aggiungete l’impasto. Lavorate ancora per bene con le mani finchè non sarà morbido e cominceranno a spuntare le prime bollicine.
Quindi il recipiente va coperto con un panno caldo e va lasciato lievitare finchè non raddoppi di volume, in un luogo caldo possibilmente.

Una volta pronta lo si lavora ricavandone come dei budelli (aiutatevi con una forma o con un imbuto) ed infine si friggono nell’olio bollente. Cospargete di zucchero e servite ancora sfrigolanti.

 

Ingredienti:

500g di farina
25g di lievito naturale
1 bicchiere d’acquavite
200g di zucchero
5 uova
12 litro di latte
1 bustina di zafferano un pizzico di sale