Verdure crucifere caratteristiche

Verdure crucifere caratteristiche

Le crucifere, il cui nome deriva dalla forma a croce dei loro fiori, sono delle verdure ricche di fibre e micronutrienti, utili per il benessere del nostro organismo. Fanno parte delle crucifere: cavolfiore, broccolo e broccoletti, verza, cavolo cappuccio, cavoletti di Bruxelles, rucola, ravanelli, rapa, cime di rapa.

In queste verdure troviamo molte vitamine e sali minerali, come folato e ferro. Il primo aiuta a ridurre il rischio di spina bifida in gravidanza; la presenza di ferro, invece, aiuta a combattere l’anemia, funzione rafforzata dalla presenza della vitamina C, che favorisce l’assorbimento del ferro.

Diversi studi hanno dimostrato che le verdure crucifere possono rivelarsi dei validi alleati contro l’insorgenza di tumori, in particolare dei polmoni e del colon.
Nelle crucifere troviamo inoltre alti livelli di potassio, minerale importante nella regolazione della pressione arteriosa, e antiossidanti, in particolare il sulforafano, sostanza contenuta sopratutto nei broccoli.
Ma per poter godere appieno dell’apporto nutritivo di queste verdure, è necessario prestare attenzione nella cottura. Cuocendole troppo a lungo, infatti, causerete la distruzione di gran parte delle vitamine. Non solo, i cavoli, ad esempio, se cotti per troppo tempo, diventano indigesti ed emanano un cattivo odore. Fondamentale è tagliare questi ortaggi in strisce sottili prima della cottura. I broccoli non vanno assolutamente fritti, meglio se cotti al vapore. I valori di carotenoidi e vitamina C, infatti, crollano con il metodo di cottura più violento.