Tradizioni a tavola in giro per il mondo

Tradizioni a tavola in giro per il mondo

A tavola le usanze cambiano a seconda del paese in cui ci troviamo; per quanto riguarda il nostro paese si conoscono le basi del cosidetto bon ton.

Molti sono al corrente su quelle che sono le cose da non fare a tavola in Italia, ma se volete girare il mondo, vi consigliamo di continuare a leggere, per evitare di fare delle figuracce.

Ad esempio, tra le usanze più particolari che ci sono a tavola, una che merita di essere raccontata viene dalla Thailandia.

Thailandia e Cina

In particolare parliamo del pad thai, noodles che vengono cucinati con verdure, carne, arachidi, uova e tofu.

In questo piatto tipico, la carne può essere sostituita con il pesce; ma in ogni caso è buona regola non mangiare con le bacchette, come molti pensano e a volta fanno.

Infatti dovete prendere una forchetta e un cucchiaio; la forchetta ha la sola funzione di portare il cibo del cucchiaio, prima di esserre mangiato.

Spostiamoci in Cina, dove ad esempio non si fa mai la scarpetta, tanto amata in Italia; infatti in Cina se si fa la scarpetta si viene fraintesi dal cuoco.

Infatti si può far pensare che vi abbiano dato abbastanza cibo e dare l’impressione di essere oltremodo affamati.

Al contrario, lasciare poco cibo nel piatto, è apprezzato in Cina, anche se per molte pietanze risultarà difficile, vista la loro bontà.

Inoltre in Cina c’è anche una cerimonia tradizionale, il gong fu cha; troverete la teiera non propriamente pulita.

Non chiedetene una pulita, perchè in Cina si lavano solo con l’acqua e si fanno asciugare da sé.

Nella tazza in ceramica si fa a formare una leggera patina, che per i cinesi è sacra; quindi guai a chiedere il lavaggio della tazza.

Dalla Cina al Giappone, dove molti piatti sono a base di riso; ebbene quando avete terminato di mangiare state attenti a come disponele le bacchette.

In altre parole non lasciatele dentro la ciotola in posizione verticale, perchè inn Giappone vengono messe così durante i pranzi dopo dei funerali.

La migliore cosa da fare è mettere le bacchette di lato rispetto al piatto, ed evitare di infilarle in verticale anche se ce ancora del cibo da mangiare.

In India non si mangia con la mano sinistra

Molto particolare la tradizione indiana; in particolare non si deve mangiare con la mano sinistra; dunque ci dispiace per i mancini.

Questo perchè in India la tradizione prevede di utilizzare la mano sinistra quando si è in bagno, per l’igiene delle parti intime.

Quindi risulta sconsigliabile mangiare con la mano sinistra.

Proseguiamo con l’Etiopia, dove si mangia spesso una varietà di carni che dovete condividere con gli altri commensali.

In altre parole, solitamente il pasto si serve in una grande fiamminga unica dove tutti mangiano e a volte si passano il cibo con le mani.

Un altro consiglio è di prendere il cibo che sta più vicino a voi, perchè allungare il braccio passando sopra il vassoio non è educato.

In Europa poi, ad esempio in Portogallo, se mangiate dei piatti tipici come le polpette di pesce non chiedete il sale e il pepe.

Infatti il cuoco non apprezza che il suo piatto venga modificato in alcun modo, perchè il piatto viene cosiderato come definitivo quando vi viene servito.

Georgia: dopo il brindisi bere d’un fiato

Spostiamoci in Georgia, dove per quanto riguarda il bere dovete state attenti; infatti se volete assaggiare del vino non fatelo con piccoli sorsi.

Bevetelo tutto di un fiato, praticamente il contrario di come di fa qui da noi; in Georgia dopo il brindisi si deve bere tutto insieme.

Arriviamo in Kazakistan, dove come tradizione quando arrivano degli ospiti, si offre una tazza di tè.

In particolare se ne versa poco alla volta, per offrirvelo sempre caldo; non di usa fare la tazza subito piena.