Sale di Maldon

Sale di Maldon

Sale di MaldonSi tratta di uno dei sali più pregiati al mondo. Difficile da reperire (trovi il sale Maldon su SaporideiSassi.it), è super apprezzato dagli chef di un certo calibro (ad esempio quelli dei ristoranti Michelin).

Origini

Le sue origini risalgono alla fine del XIX secolo, quando in Inghilterra e più precisamente sull’estuario del fiume Blackwater (nell’Essex), si avviò la sua produzione. La sua denominazione, fa riferimento proprio alla cittadina britannica, Maldon.

Pensate che quell’area è sempre stata molto gettonata, sin dal Medioevo, per le sue potenziali in termini di risorse. Il clima, prevalentemente secco e caratterizzato da frequenti maree, ha generato nelle acque un alto tasso di salinità. Ma in che modo?

Metodo di produzione

La risposta è semplice. Nel momento in cui si verifica l’alta marea, l’acqua salmastra riesce a depurarsi, passando all’interno di alcune tubature ad alta temperatura. Di conseguenza, si dà vita alla vaporizzazione che risulta però essere lenta: quest’ultimo fattore contribuisce alla creazione di tantissimi piccoli cristalli di sale. Questi ultimi, vengono raccolti, lasciati essiccare in forno e poi spediti nel mondo del commercio, come sale di Maldon.

E’ un processo complesso ma allo stesso tempo affascinante. L’Inghilterra, vedendoci le potenzialità, ha pensato bene di fondare la Maldon Crystal Salt Co Ltd e gli affari sembrerebbero andare alla grande.

Proprietà ed impiego

Ciò che rende speciale il sale di Maldon è il fatto che non sia in grado di rendere gli alimenti salati. La sua caratteristica principale risiede nella consistenza, dando così al nostro palato “quel tocco in più”.

Esso si presenta sotto forma di minuscoli fiocchi friabili. Solitamente, gli chef lo utilizzano come ingrediente finale nella preparazione di un piatto gourmet. In questo modo viene data alla pietanza una maggiore croccantezza e va a contrastare tutte le consistenze morbide o vellutate. Alcuni esempi? Carne leggermente saltata in padella, focaccine e morbidi tortini salati.

E non è tutto: il sale di Maldon è possibile trovarlo anche in alcune torte e biscotti per creare un tripudio di sapori o come “chicca” aggiuntiva al cioccolato puro. Da provare assolutamente!

Reperibilità

Come vi abbiamo accennato in precedenza, il sale Maldon viene principalmente usato in un contesto elevato, dove gli chef dei ristoranti stellati preparano pietanze del tutto singolari.

Pertanto, non è possibile acquistarlo nei classici supermercati. Allo stesso tempo però, esistono alcuni negozi online in cui si può ordinare in confezioni, non proprio convenienti in termini economici ma che ne valgono certamente la pena. Le vostre ricette avranno una marcia in più: con parenti e amici farete un figurone!

Conservazione

Onde evitare che perda di croccantezza, è preferibile conservare il sale di Maldon in un luogo fresco e asciutto. C’è da dire però, che i migliori venditori ve lo spediscono in confezioni apposite anti umidità. Ricordiamoci che si tratta di un sale pregiato… non vi arriverà di certo un involucro scadente!

Differenze

Il sale di Maldon si riconosce rispetto alle altre tipologie di sale. Le sue scaglie sono piccolissime, irregolari, delicate e sottili ma non risulta aggressivo (a differenza del il sale grosso) e non si fonde completamente sugli alimenti (cosa che accade con quello fino).

Alcune raccomandazioni

Pur non alterando la sapidità degli alimenti, il sale di Maldon va comunque utilizzato con parsimonia. Mai esagerare… perché potreste riscontrare dei problemi a lungo andare! Inoltre, si consiglia di impiegarlo nei cibi già cotti come condimento finale e non aggiungerlo durante la cottura: risulterebbe un azione abbastanza inutile.

Siamo certi che molti di voi non fossero minimamente a conoscenza di questa tipologia di sale. Una volta scoperto, è difficile abbandonarlo. Specialmente se siete persone dal palato sopraffino e con la costante voglia di creare in cucina vere e proprie opere d’arte!