Risotto cuor di carciofo

Risotto cuor di carciofo

 

Valentino…E se ne fanno di innocenti sciocchezze per il proprio Valentino. Io ho preparato questo risotto, giocando anche con le parole. Non so com’è giudicate la foto, a me piace così come è tanto piaciuto il risotto…che…a onor del vero era anche la prima volta che lo preparo con i carciofi.

Senza vino né zafferano.

 

Preparare il brodo. Io ho usato il dado vegetale da me preparato (mia ricetta 132)

Mettere in un pentolino piccolo ma dai bordi alti metà della confezione dei carciofi insieme a del soffritto misto ed un filo di olio. Lasciar cuocere i carciofi aggiungendo l’acqua necessaria per la cottura. Regolare di sale. A cottura ultimata ridurre e carciofi a crema utilizzando il frullatore ad immersione.

In un altro pentolino mettere i restanti carciofi. Se fossero troppo grossi tagliarli a spicchi ancora più sottili, unire un filo di olio e cuocere mettendo poca acqua per volta, fino a quando i carciofi saranno cotti e dorati.

Mettere i carciofi frullati nella pentola dove poi preparate il risotto.

Aggiungere il riso e proseguire la cottura come per qualsiasi risotto: mettere poco brodo per volta…mescolare…lascia assorbire … e continuare così sino a quando il riso è quasi cotto.

Spegnere il gas e unire il formaggio. Mescolare bene.

Travasare il riso nella teglia a forma di cuore, aspettare qualche minuto e capovolgerlo nel piatto di portata.

Fare spazio con la forchetta e inserirvi, ad uno ad uno, i pezzetti di carciofi come se fosse un fiore decorativo.

Se bastano, usare gli altri per formare una corona tutta attorno al risotto, oppure disporli a decorazione secondo la propria fantasia.

Servire subito.

 

Ingredienti (x 4):

350 g. di riso carnaroli

soffritto misto

1 confezione di cuori di carciofi surgelata

brodo vegetale

una noce di burro

parmigiano grattugiato

olio e.v.o.

Preparazione di  Vincenzina Rocchella