Ricette di Natale Siciliane

Ricette di Natale Siciliane

Trascorrere il Natale in Sicilia significa mettere su qualche kg. Questo perché la cucina siciliana è ricca di prelibatezze a cui è impossibile resistere. Le pietanze, oltre ad essere spettacolari in termini di sapori, sono frutto di tradizioni secolari.

E allora scopriamo insieme le ricette siciliane più significative, tipiche delle feste natalizie!

Crispelle

Le crispelle sono uno dei cibi sempre presenti ai mercatini di Natale e alle occasioni dedicate allo street food. Sono tipiche della città di Catania ma si possono trovare in tutta la Sicilia. Per tradizione, chi prepara le crispelle viene soprannominato crispiddaru, il quale mostra per strada tutta la sua maestria.

Sostanzialmente, esse sono degli impasti lievitati, fritti e farciti, di solito o con ricotta o con acciughe. Realizzarle è davvero semplice: avrete bisogno di farina di grano duro, lievito di birra, sale, acqua, ricotta di pecora (o in alternativa acciughe) e olio di semi di girasole, il quale vi servirà per la frittura.

Se le prime volte dovesse riscontrare delle difficoltà è normale, in quanto dovrete stare molto attenti nella lavorazione dell’impasto ma soprattutto nella fase della farcitura. L’esterno dovrà essere richiuso per bene, altrimenti potreste correre il rischio di far fuoriuscire la ricotta/le acciughe.

Nelle tavole natalizie, le crispelle vengono solitamente servite tra gli antipasti e sono super amate sia dagli adulti che dai bambini!

Gallina Ripiena

La gallina ripiena, nota anche come “timballo di riso” è uno dei piatti tipici del Natale siciliano. La sua preparazione richiede molta pazienza (in quanto complessa) e vista la grossa mole di ingredienti non si può certo definire una ricetta economica.

Per realizzare questo piatto avrete bisogno di: gallina, riso, uova, tuma, polpette di vitello, caciocavallo, cotenna e salsiccia di maiale, pan grattato, latte, burro (oppure strutto), olio, sale, pepe, mollica di pane, cipolle, sedano, aglio prezzemolo e pomodori pelati.

Ripiddu Nivicatu

Il ripiddu nivicatu è certamente una delle ricette più tradizionali della Sicilia, in quanto ricorda esteticamente il vulcano Etna. Non a caso, l’espressione dialettale sta a significare proprio vulcano con la neve.

Questa pietanza immancabile sulle tavole imbandite a festa, richiede l’utilizzo di diversi ingredienti ma non è particolarmente difficile da preparare. Il protagonista indiscusso è il riso carnaroli che diventa oscuro grazie alla presenza del nero di seppia. Ma per creare questo spettacolo sia per gli occhi che per il palato avrete anche bisogno di: peperoncino, brodo vegetale, pomodoro concentrato, cipolla, burro, ricotta, olio extravergine d’oliva, aglio, vino bianco e sale.

Una ricetta super originale, che non passerà indifferente agli occhi degli invitati. Provare per credere!

Frittelle di Baccalà e Pipi Secchi

Augusta, comune situato tra Siracusa e Catania, può vantare di una delle specialità natalizie tipiche della regione, ossia il baccalà fritto! Quest’ultimo è abbastanza diffuso in diverse regioni italiane ma ad Augusta è tutto un’altra storia, perché contiene i pipi secchi, ossia pomodori e peperoni secchi!

Per la preparazione avrete bisogno di farina, baccalà, lievito di birra, cipolline, pomodori secchi, peperoni secchi, acqua e sale, passata di pomodoro e olio di semi di girasole per la frittura. Ricordatevi però, che l’impasto avrà bisogno di lievitare per circa due ore: pertanto, non si tratta di una ricetta last minute ma che richiede più fasi, a distanza di ore.

Falsomagro

Per tutti gli amanti della carne, esiste una pietanza siciliana super saporita e tipica della tradizione natalizia: il falsomagro.

Si tratta di un simil polpettone a base di manzo, contenente un ripieno a sorpresa! Come prima cosa, si prende la carne e la si stende su una superficie piana. Successivamente, si passa al ripieno che varia a seconda dei gusti personali: i più gettonati sono il pecorino, il pangrattato, la carne macinata, le uova, il caciocavallo e i salumi (in particolar modo la mortadella).

Dopo aver aggiunto i vari ingredienti, si crea un rotolo che va fissato con uno spago e si cuoce in una pentola, adagiandolo su un sughetto che darà quel tocco in più di sapore. Infine, si taglia a fette e si serve. Da provare assolutamente!

Pasta ‘ncasciata

E se dovessimo parlare dei miglior primi piatti siciliani della tradizione natalizia, è impossibile non citare la pasta ‘ncasciata. In realtà, si tratta di un piatto che si può gustare tutto l’anno ma non manca assolutamente durante le feste.

Con l’espressione pasta ‘ncasciata si fa riferimento alla classica pasta al forno, nota in tutta Italia. Solo che qui (in particolar modo a Palermo) c’è un assemblaggio di diversi ingredienti tipici dell’isola. La ricetta più nota si basa sull’utilizzo di: maccheroni, uova sode, melanzane, prosciutto cotto (in alternativa salame), caciocavallo fresco, aglio, passata di pomodoro, sale, pepe, pangrattato, basilico, olio extravergine d’oliva ma soprattutto il caciocavallo grattugiato da inserire come tocco finale.

Un’altra versione molto gettonata è quella della città di Messina, dove viene aggiunto il ragù. Insomma, la pasta ‘ncasciata è una vera e propria esplosione di gusto!

Sfinci

Ritornando al genere fritti, ideali per gli antipasti natalizi, la Sicilia è nota anche per gli sfinci,ossia dei bocconcini di impasto lievitato e fritto. Esteticamente sono molto simili alle pettole (dolci tipici della tradizione pugliese) ma in realtà presentano un ripieno a base di uva sultanina, ossia essiccata e comunemente nota come uva passa.

La loro preparazione è davvero semplice e richiede i seguenti ingredienti: farina 00, acqua, zucchero, sale, lievito di birra e uva sultanina. Il segreto di una buona riuscita sta nella lavorazione dell’impasto: esso infatti, per una lievitazione ottimale, dovrà restare a riposo per due-tre ore. Dopodiché, si potrà procedere con la cottura (in questo caso frittura), utilizzando l’olio di semi.

E per un gusto ancor più sfizioso, decorate i vostri sfinci con lo zucchero. I più golosi invece, possono accompagnarli con la nutella!

I grandi classici

Le ricette che vi abbiamo presentato sono soltanto alcune della tradizione siciliana, facendo riferimento al periodo natalizio. In realtà, durante le feste è possibile gustare anche i grandi classici della cucina siciliana, che solitamente troviamo anche negli stand internazionali dello street food.

E tra i più noti vogliamo citare i seguenti: pasta alla norma con le melanzane, arancini e arancine, caponata, cassata, pasta con le sarde, pane e panelle con crocchè e cannoli.