Ravioli cinesi al vapore fatti in casa

Ravioli cinesi al vapore fatti in casa

I ravioli al vapore sono un piatto cinese esportato ed apprezzato in tutto il mondo. Si tratta di pasta ripiena di carne o di verdure che può essere grigliata o cotta al vapore. Solitamente questo antipasto (non è un primo orientale ma rientra tra gli appetizer) si mangia con la salsa di soya ma c’è anche chi ama mettere l’agrodolce o quella piccante.

Ravioli al vapore cinesi come si fanno

RICETTA PER L’IMPASTO: Acqua e farina.
Ho sinceramente fatto ad occhio, dovete mescolare fino a quando l’impasto non risulterà omogeneo, lasciate riposare.

Per il ripieno:
Chi ci mette anche il cavolo, il sedano, la carota e la cipolla.

Io personalmente preferisco la carne macinata, zenzero, un po’ salsa di soia, un po’ di cipolla.

Nella ricetta originale andrebbe anche salsa di ostrica e olio di sesamo, ma vi garantisco che senza sono buoni ugualmente.

Va anche un po’ a gusto.

Per dargli quella forma dovete prima tagliare la massa come dei grandi gnocchi.
Poi fate dei dischetti sottilissimi.
Prendete un dischetto, lo mettete sul palmo della mano, mettete il ripieno, chiudete con pollice ed indice e rientrate i bordi e così via.
(Vi allego un video tutorial, che spiegarlo per messaggio non è semplice).

Cottura:
Potete cuocerli a vapore con la vaporiera in bambù (quella nel video) o in padella con poco olio. In quel caso diventeranno più dorati.
Per la cottura a vapore ricordatevi di mettere come tappeto per i vostri ravioli il Cavolo.
Una mia amica mette la carta da forno.

Fate evaporare per almeno 15 minuti.

Una curiosità sui ravioli al vapore: i ravioli in questione sono spesso
insaporiti con zenzero, scalogno ed aromi e vengono poi cotti al vapore nei tipici cestelli di bambù appoggiati su ampie foglie di cavolo cinese, cottura che permette agli alimenti di non disperdere i loro valori nutritivi e il loro sapore.