Ratatouille particolare italianizzato

Ratatouille particolare italianizzato

RATATUIA MASTICA

è un piatto stravagante ma molto sfizioso c cui piace molto la compagnia, soprattutto di carni o pesce alla griglia. Possiamo definirlo un contorno, ma che di sicuro non si offende se verrà consumato come portata principale.
A base di verdure, ha elementi comuni con la ratatouille provenzale e con la frissuràta calabra, andiamo a scoprire come:

Versione invernale con verdure surgelate in proprio e verdure fresche

per 4 òersone
250 gr melanzana nera lunga ridotta a tocchetti, tenuta col sale per un’ora e surgelata
250 gr zucchina verde ridotta a tocchetti e surgelata
2 carote fresche tagliate a dadini
1 peperone fresco (verde o rosso) tagliato a dadini
400 gr funghi champignons freschi tagliati a lamelle
1 cipolla rossa
50 gr olive nere in salamoia
un cucchiaio di capperi sotto sale
due zucchine fresche tagliate a rondelle con mandolina
un ciuffo di basilico (anche surgelato)
un bicchiere di brodo vegetale

quanto basta di: olio evo, sale, vino bianco, pepe nero, aglio, prezzemolo

procedimento:
casseruola con olio caldo, facciamo imbiondire la cipolla tagliata a fettine sottili, inseriamo le melanzane e le zucchine surgelate, se sono ancora un blocco niente paura, bagniamo con mezzo bicchiere di bianco secco, copriamo la casseruola e nel tempo che il vino sfuma le verdure si sbricioleranno.
adesso scopriamo, fiamma vivace, mettiamo le carote, i capperi, il peperone, una macinata di pepe e un paio di spolverate di trito di prezzemolo. quando tutti i liquidi delle verdure saranno ritirati, toglieremo le verdure dalla casseruola e le porremo in una terrina.
aggiungiamo olio, due spicchi d’aglio schiacciati, facciamo rosolare i funghi, dopo circa 5 minuti rimuoviamo l’aglio, spolveriamo con abbondante prezzemolo e aggiungiamo le olive e le zucchine a rondella. lasciamo cuocere altri 3 minuti a fuoco vivace allungando con un mestolo o più di brodo vegetale (non deve seccare, ma neanche affogare).
rimettiamo le verdure precedentemente stufate, ancora calde, il basilico spezzettato con le mani, controlliamo di sapidità ed eventualmente saliamo. tutto pronto per essere servito.
le prime verdure devono essere morbide e dolci, quelle fresche (funghi e zucchine rondelle) devono risultare croccanti e sapide. buon appetito.

ricetta di Tiziano Spinelli,
autore del blog in cucina con Mastica (giallozafferano)