Pranzo di Natale ricette facili

Pranzo di Natale ricette facili

Il pranzo di Natale è sicuramente l’occasione più importante di tutto l’anno dove l’intera famiglia si riunisce per passare assieme questa festa così importante. L’arrivo del Natale ormai è alle porte e molti di noi già si chiedono cosa poter cucinare. In quest’articolo abbiamo deciso di proporvi qualche ricetta facile e gustosa a base di pesce per il pranzo di Natale da cui trarre ispirazione. Vi descriveremo un menù composto da antipasto, primo e secondo, davvero originale ma non per questo troppo costoso.

Pranzo di Natale menù di pesce

Il pranzo di Natale a base di pesce può essere può essere realizzato utilizzando ingredienti non troppo sofisticati, ma cucinati a regola d’arte. In questo modo sarete in grado di dar vita ad un menù economico ma allo stesso tempo di ottima qualità. Se volete evitare un salasso al portafogli, ovviamente vi consigliamo di evitare ingredienti troppo costosi come aragoste e crostacei. Puntate invece su pesci più a buon mercato ma ugualmente gustosi che di sicuro vi faranno fare un’ottima figura a tavola.

L’antipasto

Cominciamo con l’antipasto. Se volete andare sul sicuro, scegliete un ingrediente con il quale è davvero difficile sbagliare: le cozze.  Esse possono essere cucinate davvero in tantissimi modi, e non sono neanche molto costose.

Le cozze gratinate sono davvero un ottimo antipasto da presentare al pranzo di Natale, inoltre sono davvero semplici da preparare. Vi proponiamo inoltre una ricetta pugliese, molto semplice che colpirà di sicuro i vostri commensali: le cozze alla tarantina.

Ecco come si cucinano: Per questa ricetta vi serviranno 1 kg e1/2 di cozze; olio extravergine d’oliva; 120ml di vino bianco; 2 spicchi di aglio; del peperoncino rosso piccante; un pizzico di sale; 700 grammi di polpa di pomodoro; 120 ml di vino bianco; del prezzemolo fresco tritato e del pane casareccio tostato o dei crostini qb.

Iniziate dunque pulendo i molluschi sotto il getto dell’acqua corrente; in questo modo andrete ad eliminare tutto il bisco (la barbetta che trovate incastrata tra le due valve). Fatto ciò, andate a rimuovere anche tutti i residui che trovate attaccati sul guscio. Vi basterà utilizzare una spugnetta metallica e sfregare con energia.

Dopo aver eliminato tutte le impurità passate alla preparazione del piatto. Mettete dentro ad un tegame olio extra vergine d’oliva in abbondanza, e quando sarà bel caldo unite ad esso uno spicchio d’aglio sbucciato ma intero.

Appena l’aglio sarà dorato, andate ad aggiungere il prezzemolo che in precedenza avrete lavato e tagliato con il coltello. Unite adesso anche le cozze ed il vino bianco che dovrete far sfumare per bene. Adesso mettete il coperchio sopra al vostro tegame e continuate a far cuocere per altri 5 minuti; il tempo necessario alle cozze per aprirsi.

Mettete sulla fiamma un altro tegame e versateci l’olio extravergine d’oliva, il peperoncino ed il secondo spicchio di aglio. Fate soffriggere bene e andate poi ad unire la polpa di pomodoro. Regolate di sale senza però esagerare per via della naturale sapidità dei molluschi.

Fate cuocere la polpa di pomodoro per altri 5 minuti, e nel frattempo filtrate l’acqua di cottura delle cozze e conservatela in una ciotola a parte. Unitela al sugo di pomodoro e continuate la cottura per altri 10 minuti.

Adesso al sugo di pomodoro unite anche le cozze cotte e mescolate bene il tutto e fate insaporire per un paio di minuti sempre sulla fiamma. Passiamo all’impiantamento. Mettete sul fondo dei piatti elle fette di pane tostato o dei crostini di pane, poi trasferite le cozze sul pane dentro i piatti. Le cozze alla tarantina vanno servite subito ben calde spolverandole ulteriormente con del prezzemolo tritato.

Il primo piatto

Un classico del pranzo di Natale è sicuramente la pasta al nero di seppia, ed anche questa è una ricetta veramente facile da realizzare. Se invece volete dissociarvi un po’ dalla tradizione potete cucinare la pasta con funghi tonno e acciughe, una delizia per il palato Ecco come si fa.

La ricetta è realizzata per 4 persone e gli ingredienti necessari sono: 500 gr di pasta (meglio de tagliatelle o bucatini); 150 gr di funghi freschi; 100 gr di tonno sott’olio; 1 spicchio d’aglio; 1 pizzico di origano; sale q.b; pepe q.b; 3 cucchiai di olio d’oliva e una noce di burro.

Iniziate la preparazione pulendo avendo cura di eliminare tutta la terra. Ripassateli poi con un panno umido e tagliateli a fette. Mettete sul fuoco un tegame con dentro l’aglio l’olio, il burro e rosolate il tutto. Unite poi l’acciuga e riducetela in poltiglia con la forchetta.

Quando il condimento sarà diventato di un colore marroncino, unite i funghi e cuoceteli prima a fiamma vivace e poi moderata per circa 20 minuti senza aggiungere acqua. Unite poi il tonno sminuzzato, l’origano, il sale e il pepe e cuocete ancora per qualche minuto, per dare al tonno il tempo di scaldarsi. Adesso versate il condimento sulla pasta precedentemente cotta al dente e poi scolata all’intero di una zuppiera. Impiattare e servite.

Il secondo piatto

Per il pranzo di Natale, come secondo piatto vi proponiamo dei filetti di merluzzo allo zafferano. Essenzialmente si tratta di un pesce povero che però cucinato con questa ricetta sarà davvero un piatto degno del giorno di Natale. Vediamo come si realizza.

Gli ingredienti che vi serviranno (sempre per 4 persone) sono: 500 g di merluzzo a filetti; capperi sotto sale; vino bianco secco; 2,5 dl di brodo vegetale; olio extravergine di oliva; 2 scalogni; zafferano; farina 20 g; prezzemolo fresco tritato e sale.

La preparazione è molto semplice. Per prima cosa cuocete a vapore il merluzzo privo di pelle, e nel frattempo tritate gli scalogni con qualche cappero e fateli rosolare in padella con poco olio, poi sfumate con 2 cucchiai di vino, unite la farina e fatela tostare.

Versate il brodo mentre continuate a mescolare, fate bollire ed aggiungete poi una bustina di zafferano. Lasciate il tutto sul fuoco fino a quando la salsa non sarà ben densa. A questo punto unite anche il prezzemolo. Mettete poi i filetti di merluzzo nel piatto da portata e serviteli con la salsa allo zafferano.