Porri ricette: proprietà ed utilizzo

Porri ricette: proprietà ed utilizzo

I porri sono piante erbacee dalla forma cilindrica, coltivati in gran parte d’Italia, appartenenti  alla famiglia delle Liliaceae, di cui esistono diverse varietà.

Essi presentano, ad una delle estremità, foglie verdi e, all’estremità opposta, una parte bianca dritta e soda che risulta essere quella prevalentemente consumata in ambito culinario.

Il colore decisamente bianco di questa parte del porro ci aiuta a capire che è tenero ed il suo sapore delicato; al contrario, un colore tendente al giallastro indica che l’alimento non è dei più freschi.

Il porro ha un sapore meno intenso se confrontato con aglio e cipolla; spesso viene definito cipolla gentile, risulta estremamente digeribile ed è caratterizzato da un basso apporto calorico, 61 calorie per 100 gr. di prodotto.

Sali minerali, calcio, ferro, fosforo, potassio, e vitamine A, B, C ed E, sono le sostanze di cui questo alimento risulta ricco, palesando una buona capacità di stimolare attività di reni ed intestino e del  sistema immunitario,  è indicato per chi ha i valori di colesterolo elevato.

Il porro è un ortaggio versatile, in grado di adattarsi ad una vasta tipologia di preparazioni culinarie; lo si trova, infatti, impiegato come semplice contorno, ma anche come portata principale se cotto al forno – magari assieme a della besciamella – o utilizzato per creare minestre, delicate vellutate o gustose frittate.

Possiamo concludere adottando, anche per quanto riguarda i porri, una massima di Ippocrate che  dice “Fa che il cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il tuo cibo”.

LASAGNA CON PORRI