Pizza al piatto come in pizzeria

Pizza al piatto come in pizzeria

La temperatura nel cuocere la pizza è molto importante, ed i forni di casa non raggiungono l’elevata temperatura dei forni professionali, pensate che io le cuocio a 330°, un forno casalingo penso che difficilmente vada oltre i 250°.
Per sopperire a questo problema andremo a ritoccare l’impasto, sia nella lievitazione, e sia nella consistenza, che dovrà risultare più morbido, una gradazione del forno minore implica maggiore tempo nello stare nel forno per cuocere, quindi più acqua che evapora, risultato una pizza più dura.

Ingredienti: Per ogni kg di farina(prendete una farina che sia sopra i 250 W), 18 g.di sale(a piacimento dai 18-25), 5 g. di lievito, acqua circa 600 ml (regolatevi voi, deve essere morbido senza attaccare alle mani), 1 cucchiaio di olio evo(volendo due cucchiai di strutto al posto dell’olio).
Si potrebbe fare altro tipo di impasto in caso non riuscite a trovare una farina con le caratteristiche sopra indicate, mischiando una farina “00” con della farina manitoba in parti uguali, In entrambi i casi andremo a procedere così.

Procedimento:
Sciogliere il sale nell’acqua, aggiungere il lievito e l’olio (lo strutto sciolto in acqua poco tiepida), impastare con la farina fino ad ottenere un impasto liscio, della consistenza desiderata. Formare unico impasto e farlo lievitare per 5 ore. Dopo questa operazione fare altro impasto uguale e impastarlo con il primo già lievitato, fare riposare una mezz’oretta, dopo di che fare le forme e fa lievitare senza fargli prendere aria per 4,30-5 ore. Forno al massimo della temperatura pronto, stendete la pizza e farcitela senza la mozzarella, che andrete a mettere quando e cotta solo da farla sciogliere e buon appetito a tutti voi.
N.B. Per chi si volesse dilettare in un forno a legna cuocendola direttamente sul suolo, fare impasto unico con o senza farina manitoba, e farlo lievitare circa 5-6 ore sempre coperto, diminuendo la quantità dell’acqua 500 ml. Solitamente assorbe una quantità di acqua, di circa della metà del peso della farina.