Pesci di lago : caratteristiche, proprietà e ricette

Pesci di lago : caratteristiche, proprietà e ricette

pesce di lago caratteristiche , ricette e proprietà nutrizionali

Una delle prime caratteristiche tipiche del pesce di lago è che risulta più facilmente digeribile rispetto a quello di mare.

Questo tipo di pesce è ricco di vitamine e proprietà nutrizionali e risulta più leggero rispetto al suo parente di mare.

L’unico difetto, che non è facile reperirlo nei supermercati e spesso contiene molte spine, quindi se volete mangiarlo dovrete armarvi di pazienza.

Il suo sapore è meno marcato rispetto al pesce di mare, ma allo stesso modo gustoso, se opportunamente cucinato.

A questo proposito, vi parleremo successivamente di alcune ricette saporite che potete realizzare con i pesci di lago.

Un’altra delle sue caratteristiche è quella relativa alle sua abitudini di vita; il pesce di lago infatti spesso trascorre tutta la sua esistenza nelle acque dolci, mentre in altri casi passa dal fiume al mare, in concomitanza ai periodi riproduttivi.

Pesce di lago costa poco

Ce ne sono molti tipi che hanno dei prezzi vantaggiosi e che possono essere inseriti nella vostra alimentazione anche tre volte alla settimana, senza gravare troppo sull’economia domestica.

Non contengono troppi grassi è hanno molte proprietà nutrizionali, che fanno bene soprattutto al cervello.

Contiene inoltre una dose elevata di omega 3, sali minerali e vitamine ed è l’ideale se siete alle prese con la dieta e non potete eccedere con l’apporto calorico.

In alcuni casi può avere un’azione preventiva rispetto a delle patologie come la demenza senile o il morbo di Alzheimer.

Questo grazie alla presenza nella sua carne di acidi grassi polinsaturi, che mantengono vive le cellule del sistema nervoso. Se volete azzeccare l’acquisto del pesce di lago, fate attenzione quando andate al supermercato o nelle pescherie alle etichette.

Infatti per legge i rivenditori di pesce devono esporre l’etichetta che indichi il lotto, l’allevamento se è di allevamento, oppure l’indicazione geografica relativa alla zona in cui è stato pescato.

Oltre a questo deve apparire anche il nome preciso della specie di appartenenza; è importante riuscire a fare una distinzione anche a un primo esame visivo, sulla freschezza del pesce di lago.

L’informazione che ci arriva dalle etichette rimane comunque la più importante, anche perchè in alcuni casi il pesce di allevamento viene proposto come pesce pescato.

Uno dei consigli che vi diamo è di osservare le dimensioni; i pesci pescati hanno dimensioni diverse, mentre i pesci di lago tendono ad avere tutti le stesse dimensioni.

Pesci di lago tipi

Ci sono alcune specie di pesci di lago che possono essere cucinate in diversi modi e ci regalano dei risultati veramente buoni.

Le ricette che ne vengono fuori oltre ad essere saporite, contengono spesso molti elementi nutritivi.

Il persico reale: si tratta di un pesce di lago non troppo economico, ma vale tutti il suo costo perchè è veramente gustoso; mediamente ha un costo di 25 euro al chilo.

Sappiate che esistono diverse tipologie di persico, che costano di meno rispetto al persico reale, come il boccalone, il persico sole e il persico trota.

Se invece andate in pescheria appositamente per il persico reale, potete riconoscerlo dalle alle linee di colore blu scuro che sono presenti sui suoi lati, come misure il persico reale può raggiungere i 50 centimetri.

La sua carne non è grassa e si digerisce senza troppe difficoltà; contiene molti sali minerali e circa settanta calorie per 100 grammi; ha una discreta quantità di acidi grassi, omega 3 e proteine.

Carpa pesce di lago ricette

La carpa è un altro pesce di lago molto diffuso e pescato; solitamente può arrivare a un peso di venti chili circa e a una lunghezza di settanta centimetri.

Una delle sue caratteristiche sta nella fibra molto robusta; infatti è in grado di rimanere senza cibo anche per un lasso di tempo lungo, grazie al fatto che è in grado di raggiungere una condizione simile al letargo.

Rispetto al persico è più conveniente da acquistare; una carpa di piccole o medie dimensioni si può trovare a un prezzo di sei o sette euro al chilo, mentre le carpe più grandi arrivano anche a venti euro al chilo.

Buona per la dieta, perchè conta poco meno di trenta calorie per 100 grammi; ha molte proteine, omega 3, e fosforo che aiuta a mantenere in salute ossa, cuore, reni e fa bene anche ai denti.

Tra i suoi principi nutrizionali troviamo la vitamina B12, che aiuta il metabolismo e il sistema nervoso.

Se volete cucinare la carpa, prima di tutto occupatevi del trattamento pre-cottura, dato che si tratta di un pesce che può portare con sé dei sentori di fango; vi consigliamo quindi di metterlo a bagno in acqua e aceto per diverse ore prima di iniziare qualsiasi procedura di cottura.

La trota passa la sua vita all’interno di laghi, ma può vivere anche in dei bacini nelle zone di montagna, specialmente nel caso in cui viene allevata. Ha una bassa percentuale di grassi e non ha molto colesterolo; contiene selenio, iodio e fluoro, oltre che il fosforo.

Un altro consiglio per la cottura, completatela in breve tempo dopo l’acquisto; infatti perde facilmente il suo sapore se viene lasciata per troppo tempo in frigo.

La tinca; non è un pesce molto noto ma possiede una carne davvero prelibata e si può individuare in pescheria senza troppe difficoltà, perchè è di colore verde e ha una protuberanza color oro sul dorso.

Anche la tinca si adatta bene alle ricette dietetiche, in quanto contiene circa settanta calorie ogni 100 grammi.

Ha molte proteine e fa bene anche ai più piccoli; si trova in commercio a circa cinque euro al chilo; contiene inoltre una buona quantità di acido urico.

Tra le regole per cucinare la tinca troviamo sempre una fase di spurgo in acqua e aceto, per prepararla al meglio alla cottura.

Anguilla pesce di lago ricette

Trascorre la sua vita in acqua dolce e una delle sue principali caratteristiche è il fatto che viaggia molto e fa dei lunghi spostamenti durante il periodo della riproduzione.

Attraversa in lungo e in largo l’oceano atlantico; si può trovare di allevamento in Italia e ha la forma di un serpente; si trova a un prezzo di circa tredici euro al chilo.

Il taglio di peso giusto per scegliere l’anguilla è buono finchè si attesta entro il mezzo chilo ma non di può, altrimenti arriva a contenere troppo grasso.

È abbastanza calorica rispetto ai precedenti pesci, infatti conta 260 calorie ogni 100 grammi; quindi non esagerate con il consumo dell’anguilla se state seguendo una dieta.

Ha molte vitamine, aiuta a prevenire le malattie dell’apparato visivo e mantiene in buona salute il sistema immunitario; contiene vitamina E, D, B e A, proteine e grassi polinsaturi.

Il salmone è un altro pesce che compie dei lunghi viaggi nel corso della sua vita; solitamente vive nei laghi europei e durante il periodo della riproduzione va a risalire i fiumi per raggiungere il mare, dove depone le uova.

È di colore rosa e può arrivare fino a un peso di otto chili; può costare fino e otto euro al chilo e ha un tipo di carne abbastanza grassa, ma facilmente digeribile.

Contiene una discreta quantità di proteine, omega 3 e grassi polinsaturi che aiutano la salute delle cellule; è ricco di vitamina B e D, oltre che di ferro e magnesio.

Il luccio; vive principalmente nei laghi delle zone pianeggianti, in particolare in quei tratti dove l’acqua non scorre troppo velocemente e dove sono presenti lunghi tratti di canneti sommersi, che utilizza come nascondiglio per la caccia di prede più piccole.

La sua alimentazione prevede anche anfibi e roditori; il luccio può anche superare un metro di lunghezza ed è molto vorace.

La sua carne è molto buona e compatta, per questo è uno dei pesci che viene pescato più assiduamente.

Gambero di acqua dolce, si presta a molte ricette

Il gambero occupa si ai mari che le acque dolci; nel caso del gambero di acqua dolce si caratterizza per le sue chele laterali e il colore roseo, che dopo la cottura diventa rosso scuro; costa circa sette euro al chilo e ha una carne molto gustosa, che si presta a diversi tipi di cotture.

Rispetto al gambero di mare è meno grasso, ha una buona dose di omega 3, vitamine A e B, sali minerali e betacarotene, che opera un’azione antiossidante; fa bene agli occhi e alla pelle.

Il barbo comune rappresenta un pesce di acqua dolce non molto conosciuto, che possiamo distinguere dalla parte frontale, che è composta da quattro barbigli sotto il labbro inferiore.

È ricoperto di squame abbastanza grandi e vive nelle zone di pianura, dove le acque sono limpide e il fondo è fatto di sassi.

La sua caratteristica è che viaggia sempre in gruppo, non si tratta infatti di un pesce solitario.

Si ciba principalmente di molluschi, uova di altri pesci, vermi e larve di insetti e può arrivare a una lunghezza di sessanta centimetri per quattro chili di peso.

Cavedano: pesce che ama stare vicino alla sponde dei fiumi

Questo pesce di fiume è molto diffuso e si trova facilemnte nei fiumi, dove non è difficile incontrarlo, dato che non ama vivere troppo sul fondo ma spesso si ferma vicino alla sponde.

Un pesce molto resistente e snello al tempo stesso; ha una bocca abbastanza grande è si ciba di più cose, infatti è uno dei pesci che riesce a sopravvivere più a lungo anche nei periodi in cui le prede scarseggiano.

Mangia insetti, frutti che cadono dagli alberi e anche i molluschi che trova sul fondo; quando cresce va a cassia di piccoli pesci. Può arrivare a sessanta centimetri di lunghezza e a quattro chili di peso; si riproduce dalla primavera a metà dell’estate.

Quando inizia il periodo della riproduzione il cavedano si dirige in acque poco profonde, dove inizia il processo riproduttivo.

Gamberi ricetta

Il gamberetto di fiume si presta molto bene per essere lessato e il suo guscio si può utilizzare per realizzare un fumetto che utilizzerete poi per mescolare il gambero.

I gamberetti sono particolarmente adatti a essere lessati e i loro gusci possono essere usati per preparare un fumetto con il quale si andrà a mantecare il pesce.

Ingredienti per 4 persone

  • 320 g di riso arborio
  • 1 scalogno
  • 1 litro di fumetto
  • 1 kg di gamberi di fiume
  • q.b. di sale
  • 20 g burro

Preparazione

Per prima cosa pulite i gamberi del loro guscio e metteteli in un punto a portata di mano; prendete le teste e utilizzatele per preparare il fumetto; successivamente lessateli in acqua salata per mezz’ora.

Come passo successivo, prendere un padella per scaldare dell’olio dove far rosolare dello scalogno, dopo averlo sbucciato e tritato; successivamente inserite i gamberetti in padella e cuoceteli per circa sette minuti a fiamma alta, fino alla loro doratura.

Sempre nella stessa padella poi aggiungere altro olio e inserite il riso, che dovrete far tostare per due minuti; in seguito versate il fumetto che avete precedentemente preparato e iniziate a mantecare.

Per proseguire con la cottura, aggiungete di tanto in tanto il brodo ottenuto dalle teste di gambero e siate attenti a mescolare frequentemente.

Quando il riso sarà vicino alla cottura aggiungete i gamberi dorati e continuate a cuocere a fuoco lento inserendo del burro; infine assaggiate e se occorre aggiungete del sale a seconda del vostro gusto.

Persico alla griglia, gustoso e leggero

Ingredienti

  • 2 filetti di pesce persico
  • 2 o 3 spicchi di aglio
  • q.b. di olio extravergine d’oliva
  • q.b. di limone
  • q.b. di sale
  • q.b. di pepe in grani
  • q.b. di prezzemolo

Preparazione

Incidete i filetti di persico e trattateli con del sale, trasferendoli successivamente in una pirofila profonda.

Inserite i spicchi d’aglio tra le fessure del vostro persico e versate un filo d’olio, un limone spremuto, e del pepe; mettetelo in frigo per una ventina di minuti.

Successivamente scaldate la piastra e cuocete i filetti per cinque minuti; seguite con attenzione la cottura per non far seccare la carne.

Aggiungete del prezzemolo a vostro piacere e un filo d’olio a crudo.

Si tratta di un piatto che va servito caldo; nonostante sia un piatto di pesce non richiede troppo tempo per la sua preparazione ed è abbastanza leggero, data la sua modalità di cottura.

Potete esercitarvi con questa ricetta anche a durante la settimana, se prevedete di avere ospiti; in questo modo potrete fare pratica nel migliore dei modi.