Olio di palma: cosa è meglio sapere

Olio di palma: cosa è meglio sapere

Olio di palma: cosa è meglio sapere. Da qualche tempo a questa parte l’olio di palma è tra gli ingredienti che più discussi.

Prima di tutto è necessario sapere di cosa si tratta:  l’olio di palma è un grasso vegetale, prodotto e utilizzato in moltissimi prodotti da supermercato come biscotti, creme spalmabili, merendine e cibi pronti di vario tipo.

Oltre che nei cibi l’olio di palma può trovarsi anche sei saponi e nei prodotti per l’igiene personale.

La maggior parte dell’olio di palma è viene estratto dal frutte delle palme da olio africane, dalle palme da olio sud americane e delle palme maripa.

Generalmente l’olio di palma si presenta di colore rossastro a causa dell’elevato contenuto di beta-carotene.

Questo olio è utilizzato come grasso di cottura nella zona tropicale dell’Africa, del Sud-Est asiatico e del Brasile.

L’utilizzo dell’olio di palma è stato ultimamente criticato poiché si ritiene che possa compromettere il sistema cardiovascolare, causare diabete e cancro. Inoltre, tale prodotto, come altri grassi da condimento, è composto da acidi grassi esterificati con glicerolo.

L‘olio di palma raffinato può essere utilizzato come olio da frittura, mentre è sconsigliato utilizzarlo come condimento a crudo.

E’ bene precisare che l’olio di palma in sé non è cancerogeno, ma un consumo eccessivo può favorire l’obesità.

Chi consuma quest’olio, come tutti i grassi saturi, sotto la soglia consigliata o comunque riesce a smaltirlo attraverso l’attività fisica, non si espone a controindicazioni.

Nell’acquisto dei cibi è bene fare attenzione alle indicazioni presenti nelle etichette.

In campo industriale, infatti, è preferibile utilizzare l’olio di palma piuttosto che grassi vegetali ricchi di acidi grassi trans.

L’utilizzo dell’olio di palma è stato fortemente criticato da gruppi di ambientalisti poiché la notevole resa economica ha determinato un’intensificazione e ampliamento della coltivazione delle palme, a discapito della flora e della fauna autoctona indonesiana.

BICARBONATO, 50 MODI PER USARLO