Nespole ed albicocche aumentano le difese naturali e proteggono la pelle

Nespole ed albicocche aumentano le difese naturali e proteggono la pelle

NESPOLE E ALBICOCCHE
La loro stagione è breve, solo un mese, e racchiudono un tesoro di vitamine, Sali minerali e particolari fibre e zuccheri, molto utili all’intestino. 
Il colore arancione carico della buccia e della polpa è segno inconfondibile della presenza di betacarotene. Questa provitamina ci permette di proteggere la pelle dalle radiazioni del sole, aumentando le difese naturali, così da limitare il pericolo di eritemi, scottature o macchie cutanee. Ma c’è di più: studi recenti hanno messo in evidenza il ruolo dei caroteni per la salute del cervello e la prevenzione della perdita di memoria. 
Inoltre, il betacarotene viene trasformato nell’organismo in vitamina A. Questa vitamina è denominata scientificamente “retinolo” perché protegge la retina, la struttura dell’occhio che permette la visione.h
Nespole e albicocche rappresentano inoltre una fonte di vitamina C, utile per “rinvigorire” i nostri muscoli, poiché contribuisce alla sintesi della carnitina, la sostanza che permette di trasportare energie e di “bruciare” gli acidi grassi.
Nespole e albicocche sono poi ricchissime di potassio, un elemento che controlla molte reazioni del nostro corpo, dalla regolazione del battito cardiaco alla trasmissione degli impulsi nervosi, fino all’equilibrio idrico. In estate è particolarmente importante reintegrare questo minerale che viene perso con il sudore: la sensazione di mancanza di forze e la difficoltà di concentrazione possono essere dovute proprio a una carenza di potassio. 
Facilmente digeribili, contengono fruttosio, utilizzabile dall’organismo, che nei frutti molto maturi si trasforma in sorbitolo, uno zucchero con funzioni lassative. 
Per l’elevato contenuto di acqua, nespole e albicocche forniscono pochissime kilocalorie: 28 per 100 grammi. Sono anche utili nelle diete dimagranti perché permettono di arrivare a un soddisfacente senso di sazietà grazie alle fibre contenute.

Post Facebook Studio di Alimentazione e Nutrizione della dott.ssa Argenio

Maggio è il Mese delle Nespole

Sono rimaste ad aspettare mesi, ricoperte dalla paglia, in attesa del giusto grado di maturazione, ma è giunto il momento di risvegliarle dal letargo. Maggio è mese di nespole.I frutti più acerbi sono ricchi di tannini, dalle proprietà astringenti e antinfiammatorie, che vanno via via diminuendo quando la nespola si fa più matura e diventa più zuccherosa e gustosa. La presenza di fibre dà una leggera azione lassativa, i sali minerali e le vitamine rendono la nespola un frutto molto interessante da un punto di vista nutrizionale: potassio, magnesio, fosforo e calcio da un lato e vitamina C, A e alcune vitamine del gruppo B dall’altro, garantiscono l’equilibrio elettrolitico nel corpo e hanno un’azione antiossidante benefica per la pelle e le mucose. Il tutto in sole 47 kcal per 100 mg.