Migliaccio salato ricetta

Migliaccio salato ricetta

Il migliaccio è una preparazione tipica napoletana e insieme alle chiacchiere e al sanguinaccio si prepara durante i giorni del carnevale. A seconda della zona d’Italia in cui ci si trova con il termine migliaccio possono diverse preparazioni: se in Campania si usa per una specie di “polenta” dolce o salata, in Emilia Romagna e in Umbria si usa per identificare un dolce preparato con sangue di maiale cotto.

Facendo riferimento alla tradizione napoletana, il migliaccio dolce si prepara con latte, semolino, acqua, uova, zucchero, vaniglia e agrumi vari (scorze di limone e arancia). In base alle proprie tradizioni culinarie c’è chi aggiunge la ricotta e chi la omette. Il composto viene poi cotto in forno, poi viene fatto raffreddare e servito a fette.

Il migliaccio salato, invece, si prepara con salumi e formaggi e ricorda una sorta di torta salata.  Esistono numerose varianti di questa preparazione poiché c’è chi utilizza la semola e chi utilizza la farina per polenta.

Come preparare il migliaccio salato: porre un litro di acqua o di latte  e 60 grammi di strutto in una pentola capiente e portare a ebollizione. Aggiungere la semola a pioggia e mescolare accuratamente con l’aiuto di un frusta in modo da evitare la formazione di grumi. Far cuocere come se fosse una polenta poi spegnere il fuoco e lasciare intiepidire. Aggiungere salame, Parmigiano grattugiato, caciocavallo a cubetti e due uova sbattute. Mescolare in modo da amalgamare bene gli ingredienti. Disporre il composto in una teglia foderata con carta da forno e far cuocere in forno già caldo a 180° per 45 minuti  circa. In alternativa potete alternare degli strati del composto a base di semola con degli strati di formaggio a cubetti. Sfornare il migliaccio e lasciare raffreddare completamente prima di servire.

Il migliaccio salato è buono consumato anche il giorno dopo sia freddo sia riscaldato.