Melanzane viola differenza con quelle nere

Melanzane viola differenza con quelle nere

Per quanto riguarda le verdure, le melanzane nere e viola sono tra le più consumate nella dieta quotidiana di milioni di persone, anche perchè si prestano a molti tipi di cotture diverse, che andremo a vedere.

Allo stesso modo ci sono moltissime ricette che si possono fare con le melanzane hdi ogni tipo; anche le forme si adattano ai diversi tipi di uso in cucina; da quelle ovali a quelle tonde.

Specialmente nella stagione poi vengono consumate molto, soprattutto quelle viola e quelle nere appunto.

Melanzana viola caratteristica

Una delle melanzane più diffuse nel mondo è sicuramente quella viola, che ha una polpa molto succosa e un sapore gradevole; inoltre sono molte le proprietà benefiche per il nostro corpo.

Sia la melanzana viola che quella nera si trovano molto facilmente nei supermercati, specialmente da Agosto a Ottobre, mesi in cui troviamo le migliori qualità di melanzane.

Questo tipo di verdura fa parte della famiglia delle solenaceae; se parliamo della loro composizione sono simili come sostanze interne ai pomodori, peperoni rossi e patate. Come i pomodori infatti le melanzane nascono da un tipo di pianta simile.

Sia le melanzane viole che quelle nere sono tra le verdure che contengono una minore quantità di pesticidi; per questo motivo le potete consumare senza troppe preoccupazioni, anche perchè non essendo trattate in maniera eccessica conservano tutte le loro qualità nutritive.

Melanzane nere proprietà

Una differenza tra le melanzane nere e quelle viola sta nelle proprietà nutrizionali; quella nera, contiene una maggiore quantità di fitonutrienti; questo fa si che abbia delle proprietà antiossidanti maggiori rispetto a quella viola.

Infatti a differenza della melanzana viola, quella nera ha quasi il triplo di antiossidanti fenolici rispetto anche agli altri tipi di melanzane più diffuse.

Gli acidi fenolici sono quelli che danno il sapore caratteristico alle melanzane, quel sapore amaro ma gradevole.

I loro colori possono cambiare a seguito del taglio, ma non perdono cmunque le loro qualità nutritive.

Tornando alla melanzana classica, quella nera e ovale è forse quella più versatile di tutte, per quanto riguarda la cucina; è però quella che ha il più alto grado si sapore amaro e una consistenza spugnosa.

Dal punto di vista pratico è più vantaggiosa rispetto a quella viola, perchè può essere scavata e farcita più facilmente.

Allo stesso modo, una volta tagliata se ne ricavano delle fette lunghe, molto adatte per essere usate come involtini, oppure anche per farne altre forme, per cucinare la famosa parmigiana.

Quindi la differenza con quelle viola sta nel sapore; quelle viola sono più saporite, morbide e dolci, sia quelle tonde che quelle lunghe; quelle viola scuro ad esempio hanno un sapore più deciso, mentre quelle striate hanno un gusto più delicato.

Melanzane viola morbide e dolci

Sia quelle viola che quelle nere comunque si adattano a diversi usi; si possono tagliare a rondelle spesse, per poi ripassarle in padella con un po’ d’olio, possono fare da condimento per i sughi. Quelle più piccole si possono mangiare anche crude.

Per quanto riguarda il fatto di salarle all’interno della stessa padella, è un metodo che si usa quando vengono fritte insieme sia quelle nere che quelle viola.

A questo punto saranno insaporite e pronte all’uso, e potrete anche evitare di aggiungere altro sale anche se le cuocete insieme ad altri alimenti.

Sia le melanzane viola che quelle nere si possono fare in un modo molto sfizioso, fritte dal taglio molto piccolo e sottile in dischetti; questo vi consentirà di fargli assorbire l’olio nel migliore dei modi, senza uscire troppo unte.

Risulteranno molto croccanti e conserveranno la loro ppolpa morbida; si possono fare anche infarinate e impanate; sia quelle viola che quelle nere si adattono molto a questi tipi di cottura.

Un altro modo di cottura può essere alla griglia; in questo caso vi consigliamo di ricoprirle con dell’olio, aiutandovi con un pennello. Successivamente grigliatele, non eccessivamente per evitare che si vadano a seccare.

Ricette con melanzane

Sia le melanzane viola che quelle nere sono molto adatte a questo tipo di cottura, anche con l’aggiunta di aceto balsamico a fine cottura.

Si possono fare anche intere: dopo averle oliate e ssalate, mettetele al forno a 200° per circa 30-40 minuti; a un certo punto noterete che la buccia va a formare delle grinze; quello è il momento di estrarle dal forno; conserveranno la morbidezza della loro polpa.

se volete potete prepararle anche in un altro modo; per prima cosa tagliatele a metà sul loro lato più lungo; poi incidete la polpa con dei tagli incrociati e successivamente aggiungete dell’olio con un pennello.

Mettete le due parti in forno, con il taglio verso il basso e aggiungete del sale; successivamente cuocete in forno a 200° per circa mezz’ora.

Ancora, potete farle a rondelle, sempre aggiungendo dell’olio con il vostro pennello; successivamente mettetele in forno a 180°, per 15-20 minuti, in base anche all’altezza del taglio che gli avete dato; ricordatevi di girarle a metà cottura.

Le melanzane si adattano bene anche per cuocerle in modo da ricavarne dei piatti cremosi, così come per la classica parmigiana, dove possiamo unire sia quelle nere che quelle viola

presto potete mettere in pratica queste ricette, ora che conoscete bene le differenze tra le melanzane nere e quelle viola.

Tra poco arriverà la stagione primaverile, che forse è il periodo migliore per trovare un’ottima qualità e varietà di melanzane di ogn tipo.

Potrete preparare degli ottimi contorni, secondi e primi piatti, farle alla griglia, fritte o in padella.

Particolarmente adatte per farle alla griglia quelle nere ovali, che sono molto scure che si possono usare al meglio anche per una caponata o alla norma. Ci sono poi quelle viola e tonde, che hanno una polpa bianca e morbida, che si presta molto bene per essere fatta ripiena.

Un’altro tipo è quella viola dal sapore particolarmente dolce, che si distingue appunto per l’assenza di quel gusto amaro tipico delle altre melanzane; per questo si adatta bene ad ogni tipo di ricetta, in particolare ai primi piatti.

Sempre per quanto riguarda le melanzane viola, c’è n’è una in particolare, che si distingue per le sue sfumature di colore viola scura; possiede una polpa uniforme che si adatta molto bene per la preparazione al forno.