Dieta fodmap per chi soffre di colon irritabile

Dieta fodmap per chi soffre di colon irritabile

DIETA FODMAP
Questa dieta viene prescritta a chiunque abbia la diagnosi (o più propriamente il sospetto…) del COLON IRRITABILE.
.
Il COLON IRRITABILE non è una malattia ma una serie di sintomi (sto realizzando il video!) che hanno a che fare con problemi digestivi quali: digestione difficile, gonfiori, flatulenza, eruttazione, diarrea e stitichezza.

Proposta nel 2005, è diventato protocollo internazionale.
Ma cosa fa irritare il colon??? E su cosa si basa la dieta?
Sulla riduzione globale didegli alimenti che contengono QUEI CARBOIDRATI (lattosio, fruttosio, polioli eccetera) osmoticamente attivi e “scarsamente assorbiti” (allergie, intolleranze, malattie intestinali) che sono facilmente fermentabili dai batteri intestinali (disbiosi).
Sono QUEI CARBOIDRATI a cui ho fatto riferimento nei due post “contro” il latte (escluso dalla dieta).

IL LATTE – LA BEVANDA PERICOLOSA SOTTOVALUTATA

.
Il 7% della popolazione Italiana soffre della SINDROME DEL COLON IRRITABILE, mentre tra il 40 e il 60% (media Europea) soffre della mancanza della “lattasi”, enzima indispensabile per digerire lo zucchero presente nel latte.

I sintomi dell’intolleranza al lattosio sono quasi uguali a quelli da colon irritabile e a quelli per cui si può sospettare una celiachia:
– distensione dell’addome e/o dolore addominale;
– gonfiore e flatulenza;
– nausea, gastrite, reflusso;
– aumento della motilità intestinale e/o diarrea;
– Sintomi extra-intestinali (vertigini, disturbi della memoria, letargia e mal di testa)
CURIOSO NO?
.
Per la diagnosi di colon irritabile, le linee guida internazionali prescrivono il test per l’intolleranza al lattosio. E in tutti i casi è prescritta la dieta FODMAP per 30 giorni (vengono tolti i latticini).
CURIOSO NO?
.
Ed è curioso che – se vuoi fare una prova a COSTO ZERO – basta che togli latte e latticini per una settimana e senti come cambia la tua qualità digestiva?
.
Ogni argomento pubblicato è basato su solidi dati scientifici. Diffida di chi ti da INFORMAZIONI SUPERFICIALI – commerciali o nutrizionali – basati sul “sentito dire” e senza letteratura a supporto.

Dr. Gabriele Prinzi allergologo