Come cucinare gli agretti

Come cucinare gli agretti

Gli agretti sono un particolare ortaggio, generalmente raccolto in primavera. La forma degli agretti, conosciuti anche con il nome di barba di frate o lischi, è veramente molto particolare. Si presentano infatti con una forma allungata simile all’erba cipollina e per questo sono generalmente venduti in mazzetti soprattutto nei mesi di marzo e di aprile.

Gli agretti sono fonte di vitamina A e C, fibre, calcio e fosforo.

Dopo averli lavati accuratamente e privati delle eventuali radici presenti è preferibile bollirli prima del consumo, ma si possono consumare anche crudi in insalata.

Ecco qualche consiglio per cucinare gli agretti: sciacquare accuratamente sotto acqua corrente fredda in modo da eliminare gli eventuali residui di terra poi lessare in abbondante acqua salata per 3-4 minuti. Sollevare gli agretti con una schiumarola, passarli sotto acqua corrente fredda in modo da bloccare la cottura e lasciar scolare dall’acqua. Già così gli agretti possono essere un ottimo contorno per piatti di carne e di pesce.

In alternativa a questa semplice preparazione gli agretti già cotti sono ottimi saltati in padella con un filo d’olio e cosparsi di Parmigiano reggiano grattugiato.

Un’altra ricetta gustosa e semplice da preparare è la frittata agli agretti. In questa preparazione basta aggiungere gli agretti al composto di uova sbattute e parmigiano.

Gli agretti saltati in padella possono essere arrricchiti con semi di sesamo e olive nere tagliate a rondelle.

Da provare anche come ingrediente per la focaccia in aggiunta ai pomodorini e alla mozzarella o un altro formaggio morbido o come ripieno per una torta salata sfiziosa e particolare.

Vista la loro versatilità gli agretti possono essere un ottimo ingrediente per condire gli spaghetti o le tagliatelle, facendoli saltare in padella con olio, lo scalogno affettato sottilmente, sale e pomodorini.

Sempre per condire la pasta perché non provare a ridurli in crema con un formaggio morbido e parmigiano?