Come pulire bene verdura e frutta

Come pulire bene verdura e frutta

Pulire bene la fritta e la verdura è di fondamentale importanza per proteggere la nostra salute. L’ideale sarebbe acquistare prodotti coltivati senza l’utilizzo di pesticidi, ma non sempre si tratta di una scelta possibile. Da qui la necessità di un lavaggio accurato al fine di eliminare le sostanze chimiche eventualmente presenti.
Per nostra fortuna esistono alcuni rimedi efficaci del tutto naturali ed economici.
Bicarbonato: versatene un cucchiaino in un recipiente colmo d’acqua, mescolate per farlo sciogliere e immergete la frutta e la verdura per 15 minuti, poi risciacquate accuratamente.

Potete usare il bicarbonato anche insieme al succo di limone: versate un cucchiaio di succo di limone e due di bicarbonato di sodio in una vaschetta piena d’acqua, immergete la frutta e la verdura, lasciate in posa per alcuni minuti e risciacquate con cura.

Aceto di mele e sale: riempite il lavello o un recipiente con acqua, aggiungete il sale e muovete l’acqua per far sì che si sciolga, aggiungete poi 1/4 di tazza di aceto di mele e immergete la frutta e/o la verdura. Mescolate per un minuto e lasciate in posa per alcuni minuti. Poi risciacquate con acqua fresca.
Badate bene: non utilizzate prodotti chimici per pulire la frutta e la verdura, affidatevi sempre a metodi naturali.

Alcuni consigli: assicuratevi sempre della provenienza degli alimenti che acquistate; non conservate la frutta e la verdura nelle buste di plastica; pulite tutto, anche le parti che non mangiate, in quanto i batteri possono sopravvivere nella buccia e trasferirsi poi nel coltello o nelle mani; mantenete sempre puliti i ripiani della cucina, il frigorifero, il tagliere, le pentole e le posate; ricordate di lavarvi sempre le mani prima e dopo aver toccato la frutta e la verdura acquistata; lavate sempre anche la verdura confezionata, anche se nella confezione è presenta la dicitura “pre-lavata”; eliminate tutte le parti danneggiate; una volta sbucciati o tagliati, i prodotti ortofrutticoli devono essere conservati in frigorifero mentre, una volta lavati, non devono essere refrigerati perché si favorisce lo sviluppo dei batteri patogeni.