Come eliminare l’odore di cucinato

Come eliminare l’odore di cucinato

Un espediente particolare per eliminare i cattivi odori dei contenitori in plastica, una battaglia solitamente contro i mulini a vento, basta riempirli di carta di giornale , chiuderli bene e lasciarli così riposare per una notte intera.
Gli odori non faranno più notizia.
Quante volte vi sarà capitato nel fare alcuni lavoretti casalinghi di dover togliere una vite ma questa per la ruggine che vi si è posata di girare non ne ha assolutamente la voglia?
Bene! Per ricacciare questa patina eccovi un espediente alquanto particolare0: scaldate al massimo la presa del cacciavite, lo mettete a contatto con la vite in proposito e vedrete che questa al calore si dilaterà e subito potete svitarla con assoluta semplicità.
I vostri vetri in queste giornate ancora calde e assolate trapelano depositi di sporco, d’umidità ecc…
Insomma hanno bisogno di essere puliti bene e, per ottenere che brillino, basterà usare prodotti naturali.
Viamo come fare:
Versate in un recipiente dell’aceto e aggiungete un pizzico di sale, vi inzuppate uno straccio, lo strizzate e lo passate velocemente sui vostri vetri, ripassate poi con un panno asciutto per asciugarli e vedrete che lucentezza.
Un accorgimento utile e al tempo stesso decoroso, è quello di tenere nella vostra fruttiera un ananas, che oltre ad essere un motivo di decoro con il suo bel ciuffo da pianta esotica, è comunque un buon assorbente di odori e perciò vi libererà la cucina da fastidiosi profumi di fritti, verdure cotte ecc e al contempo rilascia il suo sapore agro dei paesi caldi.
Se volete fare una grigliata, ma l’odore e il fumo in casa che ne verrebbe vi spaventa, vi insegno un semplice accorgimento.
Mettete dell’acqua sotto la teglia sottostante la griglia del forno,
poi inserite il cibo e accendete, il vapore acqueo che ne uscirà sarà un buon recettore dei fumi e dei grassi che coleranno.

Consigli per cucinare velocemente