Come cucinare il pesce

Come cucinare il pesce

Il pesce è buono e fa bene alla nostra salute, ma quando si tratta di cucinarlo tutto questo passa in secondo piano. Con queste dritte, vedrete, cucinare il pesce diventerà facile come preparare un piatto di pasta!
Dopo aver pulito il pesce, dovete scegliere il metodo di cottura. Esistono tanti modi diversi.

Cottura affogata o brasata

Particolarmente indicata per cernia, dentice, merluzzo, orata e rana pescatrice. Evitate di portare il liquido a bollore, optando per una cottura dolce, in modo da non disidratare eccessivamente il pesce. Calcolate circa 15 minuti di cottura per un pesce da 1 kg, aggiungendo 5-6 minuti per ogni kg in più. La cottura brasata prevede un liquido molto concentrato, sarà quindi meglio coprire il pesce con carta argentata.

Pesce arrosto

Si tratta di un metodo semplice e veloce, in grado di dare ottimi risultati senza troppa fatica, a patto che si seguano alcuni accorgimenti, come effettuare una marinatura rapida prima della cottura e praticare un’incisione nei pesci di grandi dimensioni, nel punto dove la polpa è più spessa.

Cottura al cartoccio

Il pesce viene messo all’interno di un foglio di alluminio insieme a vari aromi (sale, pepe, olio, aglio, prezzemolo, capperi, finocchietto, rosmarino), si chiudono i bordi dell’alluminio e si inforna a 180-200°: il pesce sarà cotto quando il cartoccio smetterà di gonfiarsi.

Cottura in crosta

La crosta può essere composta da pasta di pane o brisée oppure da sale. I pesci più adatti sono branzini, dentici e orate.

Pesce grigliato

Per un risultato più soddisfacente, marinate per mezzora il pesce con olio extravergine d’oliva, sale, pepe, prezzemolo e aglio tritati. Nel frattempo scaldate la griglia. Scolate il pesce e adagiatelo sulla griglia, girandolo dopo qualche minuto, in modo che possa cuocere in maniera uniforme.

Pesce fritto

Salate il pesce, lasciatelo insaporire per 10/15 minuti, se volete aggiungete anche un po’ di succo di limone. Asciugate bene il pesce con carta da cucina e passatelo nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato, oppure utilizzate la pastella. Friggete il pesce nell’olio ben caldo, scolatelo una volta cotto e adagiatelo su della carta assorbente per eliminare l’unto in eccesso. Servite caldo.