Cicoria: perchè fa bene e come cucinarla

Cicoria: perchè fa bene e come cucinarla

La cicoria è una pianta erbacea, risalente a tantissimi secoli fa, ricca di proprietà e benefici.

La sua etimologia è alquanto incerta, anche se molto probabilmente deriva dai greci o dagli arabi. Oggi, viene denominata in diverse maniere a seconda delle tradizioni tipiche di un Paese: ad esempio i tedeschi la chiamano Wurzelzichorie ma anche Wegwarte.

I suoi fiori sono dai colori vivaci e il fusto della pianta in termini di altezza oscilla tra i 20 cm e 1,50 m. Ogni componente della cicoria è essenziale, tanto da essere utilizzati sia nel campo farmaceutico che nel settore culinario.

Cicoria ad uso farmaceutico

Solitamente, per gli scopi medicinali, vengono prese in considerazione le radici e le foglie nella fase antecedente alla fioritura. A livello di modalità d’uso, si possono impiegare in diversi modi: sotto forma di sciroppi, di tisane ma anche di creme, per la realizzazione di prodotti beauty rinfrescanti o per il trattamento di alcune infezioni.

Cicoria in cucina

Adesso passiamo alla cicoria comune, quella che troviamo solitamente sulle nostre tavole. Le foglie rappresentano la parte più importante: esse possono essere mangiate sia fresche che cotte.

L’importante però, è saperle cucinare. Spesso molte persone si lamentano del fatto che non siano in grado di realizzare un piatto gustoso a base di cicoria, poiché la percepiscono molto amara. In realtà, il segreto consiste nell’eliminare la parte interna delle foglie ma soprattutto cercare i giusti abbinamenti in termini di ingredienti e saperli condire regolandosi con le quantità.

Valori nutrizionali : proprietà e benefici

Una volta specificati i principali utilizzi della cicoria, passiamo ai valori nutrizionali contenuti in essa. Facendo riferimento ad un quantitativo di 100 grammi, possiamo trovare:

Acqua 93,4 g, Kcal 23, Proteine 1,4 g, Grassi 0,3 g, Carboidrati 0,7 g, Fibre 3,6 g, Potassio 236 mg, Ferro 0,7 mg, Calcio 74 mg, Fosforo 31 mg, Vitamina C 17 mg, Vitamina E 2,26 mg, Beta-carotene 1314 mg, Indice glicemico 15 Colesterolo 0 g.

Stando ai dati che vi abbiamo appena presentato, è facilmente intuibile che la cicoria contenga una serie di proprietà e benefici, i quali agiscono direttamente sul nostro organismo. Ecco i più noti:

E’ perfetta per la dieta

Vista l’alta presenza d’acqua e il basso contenuto di calorie, la cicoria può essere considerata un alimento perfetto per tutti coloro che stanno seguendo una dieta ipocalorica.

Fa digerire e depura l’organismo

Il basso contenuto di grassi, rende la cicoria digeribile, stimolando la bile e portando una serie di benefici all’intestino, rendendolo più immune a possibili patologie. Rappresenta un metodo naturale contro il colon irritabile ed è utile per combattere la stitichezza. Allo stesso tempo però, si sconsiglia l’eccessivo consumo nel caso in cui si dovesse avere il problema opposto (attacchi di colite).

La cicoria possiede molte proprietà depurative. Pertanto, favorisce il corretto funzionamento dei reni e del fegato, liberando tutte le tossine in eccesso. Non a caso, la cicoria viene presa in considerazione per la preparazione di tisane ad effetto disintossicante e diuretico.

Alleata contro il colesterolo

Come avete potuto ben vedere dall’elenco dei valori nutrizionali, la cicoria contrasta decisamente il possibile insorgimento di colesterolo cattivo. Di conseguenza, ha ottimi effetti sul metabolismo lipidico, riducendo il rischio di aumentare i livelli ematici di trigliceridi.

Antibatterico naturale

Se soffrite di frequenti infiammazioni, specialmente nella zona della bocca, la cicoria ha una funzionesfiammante”, accelerando così i tempi di guarigione. E viste le sue proprietà antibatteriche, può essere una valida sostituta del collutorio, assumendola ovviamente sotto forma di sciroppo.

Alternativa al caffè

Secondo diversi studi è stato appurato che dalle radici della cicoria si possa produrre una bevanda energizzante, amara e priva di caffeina. Insomma, una valida alternativa al caffè, specialmente per chi conduce uno stile di vita stressante o pratica costante attività fisica.

Contiene Vitamine

Il fatto che la cicoria sia ricca di fibre, ci fa ben intuire che sia anche una fonte di vitamine, in particolar modo la vitamina C e la vitamina E. 

La vitamina C, è fondamentale per l’assimilazione del ferro e contemporaneamente rafforza il nostro sistema immunitario, specialmente per le sue funzioni antiossidanti. 

La vitamina E funge anch’essa da antiossidante ma allo stesso tempo si prende cura delle nostre cellule, andando a ridurre il possibile insorgimento di problemi al sistema nervoso e ai muscoli. 

Previene il diabete

La cicoria può essere tranquillamente assunta da chi soffre di diabete, in quanto va ad abbassare i livelli di glucosio nel sangue. 

È antimicrobica

Vi abbiamo già detto che la cicoria sia considerata perfetta per allontanare batteri ed infiammazioni. Stesso discorso vale per i microbi: alcuni studi hanno evidenziato l’efficacia dell’estratto di cicoria secca (ma anche dei semi di cicoria) contro una serie di microrganismi, come ad esempio l’escherichia coli. 

Come conservare la cicoria

La cicoria è una pianta che riesce a mantenere le sue proprietà anche a distanza di giorni: pensate che può tranquillamente essere conservata nel frigorifero per cinque – sei giorni, nel cassetto apposito, ossia quello dedicato alle verdure. 

Ovviamente, gran parte del lavoro lo svolge la qualità del prodotto. Pertanto, assicuratevi sempre di acquistare un’ottima cicoria. Innanzitutto, dev’essere fresca e dal colore verde scuro. Da evitare invece, quella dalle foglie tendenti al giallo, poiché potrebbero risultare poco saporite o comunque andrebbero buttate via a distanza di ore, senza nemmeno essere riposte nel frigorifero.

Possibili controindicazioni

Dopo aver presentato le varie proprietà e i benefici della cicoria, ci si chiede: quali possono essere le possibili controindicazioni?

In linea generale, questa pianta ha davvero moltissimi aspetti positivi: è raro che possa portare a dei disturbi nel nostro organismo ma non impossibile. Pertanto, come vi abbiamo accennato in precedenza, chi di base ha un intestino debole e tende ad andare spesso in bagno, non deve assolutamente abusarne. Questo perché la cicoria è un ottimo alleato per i soggetti stitici e dunque stimolerebbe ancor di più questa vostra “debolezza”.

Ma a prescindere, sappiamo benissimo che un corretto regime alimentare si basa su un’alimentazione varia e l’eccessivo consumo di questa pianta dal portare benefici, inizierebbe a scombussolare un po’ il corpo.

Infine, nel caso in cui doveste riscontrare delle anomalie con la cicoria pur assumendone i giusti dosaggi, consultate il vostro medico di fiducia, il quale saprà farvi maggiore chiarezza (ad esempio su una possibile allergia).