Ciambelle con fecola di patate

Ciambelle con fecola di patate

Che cos’è la fecola di patate?

Oggi vi parliamo di una ricetta facile, veloce e che può essere fatta in diversi modi. Le ciambelle alla fecola di patate. È possibile cuocerle al forno o se preferite in olio caldo.

Ingredienti:

  • Farina 0 400 gr
  • Fecola di patate 100 gr
  • Lievito di birra 20gr oppure 3gr secco
  • Uova 1
  • Zucchero 80
  • Burro a temperatura ambiente 50 gr
  • Latte tiepido 250 gr
  • Olio per friggere
  • Zucchero semolato esterno 300 gr

Preparazione:

Per iniziare munitevi di un’insalatiera abbastanza grande dove inserirete il burro, mescolandolo con metà zucchero; aggiungete poi l’uovo precedentemente sbattuto. Dall’altra parte prendete 100 ml di latte tiepido in cui scioglierete il lievito, aggiungendo la farina mescolata alla fecola.

Adesso iniziate a impastare, aggiungendo un po’ alla volta lo zucchero il latte tiepido rimasto. Continuate fino a quando non avrete formato un panetto morbido; a questo punto mettete tutto a riposare al caldo per mezz’ora in una ciotola infarinata.

Successivamente recuperate il vostro impasto dopo il tempo di riposo, sgonfiatelo e stendetelo, facendo due giri di pieghe come per la pasta sfoglia; una volta fatto lasciate riposare per altri 30 minuti in luogo caldo.

Trascorsa mezz’ora potete separare circa 50 gr di impasto, che vi servono per creare dei cilindri abbastanza lunghi da formare delle ciambelline.

Copritele poi con un telo e lasciatele riposare per qualche minuto ancora in modo che riprendano la lievitazione; come ultimo passo potete friggere in abbondante olio caldo; in alternativa cuocete al forno a 180° per 15 minuti fino a doratura.

Come tocco finale, se avete cotto in olio bollente asciugatele su carta assorbente e ripassatele nello zucchero semolato; se invece le avete cotte al forno, spolveratele con dello zucchero a velo.

Esiste anche un’altra variante per preparare l’impasto iniziale; potete iniziare con la lavorazione di burro e zucchero insieme. Assicuratevi che il burro sia a temperatura ambiente, questo vi permetterà di lavorarlo meglio insieme allo zucchero e di formare una crema omogenea e ben areata.

È necessario mescolare questi due ingredienti per almeno dieci minuti potete; in seguito aggiungete le uova, anch’esse a temperatura ambiente e una alla volta, così da essere assorbite dal composto nel migliore dei modi.

Ciambella fecola di patate variante

Una variante che possiamo aggiungere in questo caso è il miele; aggiungetelo prima di inserire gli altri ingredienti: la farina, la fecola, il lievito e la vanillina, che avrete precedentemente setacciato per evitare la formazione di grumi.

Adesso avete il composto completo, che potete lavorare fino a quando avrete ottenuto una consistenza abbastanza omogenea e sufficientemente densa. L’impasto per le ciambelle al forno è completo, dunque potete prendere degli stampi per ciambelle, imburrarli, infarinarli e versare all’interno il composto riempendolo per circa i 2/3.

Anche in questo caso mettete le vostre ciambelle in forno preriscaldato a 180°C per 15 minuti circa fino a che non saranno appena dorate in superficie. Fate attenzione a non far continuare troppo la cottura per evitare che le vostre ciambelle perdano la morbidezza che deve caratterizzarle; per finire lasciatele raffreddare e prima di servirle spolveratele con dello zucchero a velo. Potete conservarle per 3 o 4 giorni in un contenitore ermetico. Prima di consumarle di nuovo dopo uno o due giorni, potete scaldarle nel forno a microonde, per qualche secondo per farle tornare soffici.

Un altro fattore interessante è quello dei valori nutrizionali di questo piatto; essendo composto dalla fecola di patate è un alimento ricco di amido e privo di glutine e grassi, quindi utile per la salute dell’intestino e che si può adattare anche a chi soffre di celiachia. La fecola di patate è una farina che si ricava essiccando e poi macinando le patate.

Come aspetto la fecola è per lo più fatta di amido delle patate ed appare come una polvere di colore bianco. Sostanzialmente è molto leggera e totalmente inodore, molto utilizzata in pasticceria, soprattutto per la preparazione di torte e creme e come abbiamo visto per le ciambelle.

Andiamo ad approfondire gli aspetti nutrizionali; la fecola di patate non è particolarmente ricca, ma è una farina molto digeribile e si presta a diversi usi. Al suo interno troviamo proteine e minerali in quantità non eccessive ed è del tutto priva di grassi; durante il processo di lavorazione che serve per ottenere la fecola infatti si perdono gran parte delle caratteristiche nutrizionali delle patate.

Come conservare la fecola di patate

Il miglior modo per conservare la fecola di patate è in un vaso chiuso ermeticamente e posto in un luogo asciutto.

Come abbiamo visto nella ricetta per le vostre ciambelle la fecola di patate è uno degli ingredienti principe in pasticceria, dove se ne fa il suo maggior uso, dalle torte ai biscotti fino alle creme.

Non la troviamo però esclusivamente nei dolci: la fecola di patate è un addensante molto buono, anche per la preparazione di sughi e salse, per compattare le polpette o le crocchette, oppure anche per dare maggior consistenza alle torte salate.

Certamente esistono ciambelle più leggere, come quelle allo yogurt , che vale la pena di approfondire (1 porzione da circa 70 grammi vi da un apporto di 245 calorie)

Ingredienti:

110 gr di farina 0

65 gr di farina 1

75 gr di fecola di patate

3 uova biologiche

140 gr di miele Millefiori biologico

buccia grattugiata di mezzo limone biologico

150 ml di olio di semi

1 cucchiaino e mezzo di essenza di vaniglia

mezza bustina di lievito per dolci (8 gr)

150 gr di yogurt alla vaniglia o alla frutta

per la preparazione procedete con una frusta con cui sbatterete le uova insieme al miele per circa 3 minuti. In seguito aggiungete lo yogurt, l’olio a filo, la vaniglia e la buccia di mezzo limone.

Una volta fatto aggiungete le farine, il lievito e fecola che avete precedentemente setacciato. Prendete il solito stampo, infarinatelo e imburratelo, cuocendolo poi in forno preriscaldato a 180°per circa 35-40 minuti; una volta terminata la cottura mettete da parte la ciambella e quando è fredda servitela con una spolverizzata di zucchero a velo.

Un’altra alternativa è il ciambellone con farina integrale e miele, che si adatta perfettamente a uno spuntino salutare. Circa 70 gr di prodotto forniscono 245 kcal; sicuramente per una dieta sana, è sempre meglio dare la precedenza a farine e zuccheri non raffinati, che oltre ad essere più sani sono più facilmente digeribili.