Ciacci, ricetta di modena

Ciacci, ricetta di modena

Ciacci è una Specialità tipiche dell’ Appennino modenese.

Preparazione:
Si prepara l’impasto con mezzo chilo di farina ( bianca, integrale, ecc….)15 grammi di sale e acqua quanto basta. Qualcuno utilizza l’acqua minerale, ma va benissimo anche l’acqua naturale, specialmente in Appennino dove è di buona qualità. L’impasto va preparato in un contenitore piuttosto capiente. L’acqua va aggiunta con moderazione, altrimenti si rischia poi di dover aggiungere altra farina. Si diluisce pian-piano la farina cercando di mescolare molto perchè non rimangano dei grumi. Quando la “colla” è fatta, bisogna lasciarla riposare almeno mezz’ora prima di usarla, cosí le molecole di acqua e di farina si amalgamano bene. Se questa operazione non è fatta alla perfezione, quando si versa la ‘colla’ sulla cotta bollente, l’acqua schizza via. Prima di usare l’impasto bisogna mescolarlo ancora un po’.
Quando è il momento di procedere alla cottura bisogna scaldare le cotte.
Per ungere le cotte si usa dell’olio di semi vari, e per spanderlo si può usare una mezza patata. Anzichè l’olio si può usare, come facevano una volta, la cotenna del maiale.
Quindi si versa un mestolo di impasto sulla cotta, e una volta steso ci si appoggia sopra la seconda cotta. Devono rimanere sul fuoco complessivamente 7-8 minuti, quindi sono pronti da condire. Un tempo si mangiavano con il lardo oppure, nei periodi in cui c’erano le vacche in fattura, con qualche pezzettino di formaggio.

Ingredienti ( ricetta tipica montanara)

500 g di farina ‘0′
15 g di sale
circa 2 l di acqua
olio di semi vari per ungere le cotte (o una cotenna di maiale)
mezza patata per spandere l’olio sulle cotte
per il condimento
200 g di lardo macinato
1 spicchio d’aglio
1 rametto rosmarino