Cavolfiore: marinato o gratinato ecco le ricette con questa cruciferae

Cavolfiore: marinato o gratinato ecco le ricette con questa cruciferae

Cavolfiore ricette veloci: come rendere gustoso il nostro piatto

Il cavolfiore, ortaggio appartenente alla famiglia delle Cruciferae, può essere utilizzato nella preparazione di numerose ricette. E’ una verdura le cui proprietà fanno molto bene alla nostra salute e a chi segue diete viste la poche calorie che si trovano al suo interno.

Il cavolfiore può essere preparato come antipasto in versioni molto golose e saporite, l’avete mai provato marinato o gratinato al forno? Se invece volete utilizzare il cavolfiore per arricchire i vostri primi piatti, avete veramente l’imbarazzo della scelta: dalla pasta al forno con cavolfiore e salsiccia, alla vellutata di broccoli e cavolfiore senza dimenticare la pasta cavolfiore e pomodori secchi e le pennette con crema di cavolfiore. Se poi volete stupire i vostri commensali potete dilettarvi nella preparazione delle lasagne verdi al cavolfiore.

Data la versatilità di questo ortaggio potete sbizzarrirvi anche nella preparazione di polpette, sformati e tortini è ottimo anche al forno con la besciamella e se volete convincere anche i più scettici potete preparare una finta pizza di cavolfiore o delle gustosissime crocchette.

La cottura consigliata per mantenere inalterate tutte le proprietà nutrizionali è quella al vapore oppure potete stufare il cavolfiore in padella. Purtroppo durante la cottura il cavolfiore tende a emanare un odore molto forte e sgradevole.

Esistono alcuni rimedi che potrebbe aiutare a eliminare l’odore dei cavoli cotti: se avete deciso di bollire il cavolfiore potete aggiungere all’acqua del latte, che ha proprio il potere di di assorbire i cattivi odori oppure potete immergere alcune foglie di alloro nell’acqua di cottura. Altri invece mettono sul coperchio della pentola una fetta di pane ricca di mollica che dovrebbe assorbire l’odore del cavolfiore.

PENNETTE E CAVOLFIORI

1) Pulite un cavolfiore verde, dividetelo a cimette e lavatelo (mia zia preferisce il cavolfiore verde perché è più gustoso)

2) Mettete a bollire l’acqua, salate, aggiungeteci le cimette del cavolfiore. Coprite e appena raggiunge il bollore versateci la pasta.

3) Fate cuocere per il tempo della cottura della pasta che avete scelto.

4) Nel frattempo, mettete sul fuoco una padella con olio, aglio e un pizzico di peperoncino o pepe. Fate dorare l’aglio e appena la pasta è cotta, scolatela e versatela nella padella e fate insaporire il tutto a fuoco alto, per un minuto.