Carboidrati e ritenzione idrica

Carboidrati e ritenzione idrica

La ritenzione idrica è un fenomeno molto diffuso tra le donne. Ne esistono diverse tipologie, ognuna collegata a cause differenti. Ritenzione idrica circolatoria: causata da un cattivo funzionamento del sistema venoso e linfatico; ritenzione idrica dovuta all’abuso di certi farmaci; ritenzione idrica secondaria la cui causa è da ricercare in patologie gravi; ritenzione idrica alimentare: dovuta a un’alimentazione scorretta.

È proprio su quest’ultima tipologia che si concentrano i dubbi delle donne, in particolare sul ruolo dei carboidrati. Una dieta ricca di carboidrati può favorire la ritenzione idrica? La risposta è sì. Un’alimentazione ricca di carboidrati aumenta la ritenzione idrica e favorisce la comparsa della cellulite. Non solo, l’assunzione di carboidrati oltre la dose giornaliera consigliata innalza i livelli ematici di glucosio provocando l’aumento dell’insulina, l’ormone che trasforma gli zuccheri in eccesso nel sangue in grassi, e quindi negli odiosi cuscinetti adiposi.

Possiamo quindi dire che per combattere la ritenzione idrica e la cellulite non bisogna eccedere nel consumo di carboidrati ma inserirli all’interno di un’alimentazione sana ed equilibrata, ricca di frutta, ortaggi e legumi. Eliminare totalmente i carboidrati dalla dieta è un grosso errore: sono la nostra principale fonte di energia e quindi non devono mai essere rimossi del tutto.

Leggi anche: MINESTRA DI LEGUMI E CEREALI