Brioche allo yogurt senza uova

Brioche allo yogurt senza uova

Questa brioche è nata da una variazione della mia vecchia treccia alla panna ed anche stavolta ho usato la macchina del pane

Ingredienti: 8gr. lievito di birra fresco, 100 g. di acqua, 50gr. latte appena intiepidito, 350gr. farina manitoba, 250gr. farina “00”, 70gr. olio di semi di girasole, 100gr. zucchero + 1 cucchiaino,1 yogurt magro versato in una caraffa graduata + latte fino ad arrivare a 200 ml., 2 cucchiaini di scorze di arancia essiccata (o grattugiata fresca io pasta d’arancia che mi faccio da sola Emoticon wink ), 1 pizzico di sale, 100 g. gocce di cioccolato fondente.
Per lucidare tuorlo d’uovo o come ho fatto io del latte condensato (fatto da me)

Ho fatto una biga con 150 g. di farina manitoba presa dal totale, i 100 g. di acqua e il lievito sciolto con il cucchiaino di zucchero, messo tutto nel cestello della mia fida mdp, e fatto partire programma impasto giusto per far amalgamare bene tutti gli ingredienti e creare un panetto, quindi ho spento la macchina ed ho fatto lievitare 12 ore (io ho preparato la biga la sera prima). Al momento dell’impasto vero e proprio versare nel cestello della mdp sopra la biga lievitata, la miscela di yogurt e latte, gli altri 50 g. di latte, lo zucchero, l’olio, la scorza di arancia e tutta la farina, faccio partire programma impasto e appena comincia ad amalgamarsi aggiungo anche il sale, controllando se occorre altro liquido ( io ho dovuto unire altri 2-3 cucchiai di latte) quindi spengo la macchina e la programmo impasto+lievitazione. Al termine del ciclo l’ho fatta ripartire nuovamente facendole rifare un altro ciclo completo. Al termine della seconda lavorazione, ho versato l’impasto sul tagliere infarinato, l’ho spianato col mattarello in un rettangolo stretto e lungo, cosparso di gocce di cioccolato e quindi l’ho arrotolato partendo dal lato lungo. Ho piegato il rotolo in 2 parti uguali ed arrotolato su se stesso, quindi messo in uno stampo con carta forno a lievitare nuovamente nel forno spento con la lucina accesa, deve arrivare quasi al bordo (a me ci son volute altre 2 ore). Trascorso il tempo, ho tolto lo stampo dal forno e l’ho acceso a 190° per scaldarlo bene, ho spennellato con il latte condensato quindi ho infornato e cotto per 45 minuti

Ricetta e foto di Florinda Ginesi