Babà al rum

Babà al rum

L’Italia nel mondo è famosa per il cibo,ma sopratutto per le sue tradizioni culinarie,diffuse in tutta la penisola, allora perche non scoprire un po l’origine di questi piatti, come,dove e quando sono nati?

Un dolce tipico della campania,viste le mie lontane origini, e il dolce scelto è il BABA
“A MORT’ O BABBà è O RUM” ( più o meno )
Questo dolce tipico campan,ha in realtà origini polacche, ed è stato ideato dal re Stanislao Leszczinski, che amava dilettarsi in invenzioni culinarie a volte molto stravaganti.
Il babbà di fatto è il risultato di un cambiamento che è stato fatto dal re ad un dolce tipico dell’alsazia, il GUGELHUPF, al quale
ha aggiunto una bagna di sciroppo e Tokajii.
Questa modifica è stata pensata perche egli non aveva i denti ,e quindi ha pensato ad un modo che avrebbe potuto trasformare il dolce da troppo asciutto a molto più morbido.
L’origine della forma e dell’accompagnamento al Rum ha diverse fonti.
Per la forma, il reebbe un ricordo della gonna a campana lunga delle donne che viene chiamata “BABKA”, mentre per il tipico accompagnamento partenopeo risale ad un episodio particolare, in cui Stanislao, in un momento di rabbia ,fece rompere una bottiglia di rum e il liquido alcolico fini a inzuppare il dolce che poi il re assaggiò, trovandolo assolutamente ottimo.
La prima apparizione in italia risale al 1836,dovuta al cuoco Angeletti,che descrisse il piatto con un contenuto di uvetta e zafferano,ingredienti persi col tempo per via della “volgarizzazione”.
Di tipologie di BABà ne esistono diverse, in Francia ne sono state create negli anni svariate creazioni, ma quella che è nella tradizione italiana è senza dubbio l’inzuppato nel rum con ripieno di panna o cioccolato.
Inoltre questo dolce dall’aspetto minuscolo, è stato sfruttato anche per la creazione di dolci più gradi come la famosa TORTA BABà.

CHEF DANIEL